Un brindisi lungo un decennio Birre, degustazioni e concerti Le dieci candeline di ‘Acido Acida’

Torna da domani al chiostro di Santa Maria della Consolazione la rassegna brassicola targata ‘il Molo’. Oltre cinquanta i produttori presenti con numerose creazioni pensate appositamente per la kermesse.

Un brindisi lungo un decennio   Birre, degustazioni e concerti  Le dieci candeline di ‘Acido Acida’

Un brindisi lungo un decennio Birre, degustazioni e concerti Le dieci candeline di ‘Acido Acida’

di Lucia Bianchini

La birra a Ferrara è Acido Acida. Torna per il decimo anno la rassegna brassicola organizzata da Il Molo, che si terrà, come ormai di consueto, al chiostro di Santa Maria della Consolazione, in via Mortara 98, da domani al 3 settembre, e sarà accompagnata da musica dal vivo e dai piatti delle cucine del Rione di Santo Spirito. "La decima edizione è una sorta di giubileo – spiega Davide Franchini de Il Molo –, che sarà dedicato totalmente all’Inghilterra, per celebrare la nascita di questa rassegna". Le spine apriranno domani alle 18, insieme alla musica dal vivo degli Skiantos.

Si proseguirà poi fino a domenica 3 settembre, con orario 12-24, degustando il meglio della produzione birraria d’oltremanica: saranno più di cinquanta i birrifici presenti per una tap list di oltre 200 birre, con numerose creazioni in esclusiva per la rassegna, alcuni al loro debutto al di fuori dai confini nazionali. A questi si aggiungono gli ospiti italiani, una sezione dedicata ai sidri, e la musica dal vivo tutte le sere, con La Banda Loska venerdì 1 settembre e Le lene sabato 2. Il festival sarà diviso in quattro aree, Londra, Bristol, Manchester e Yorkshire, con una selezione delle migliori produzioni di queste zone, a cui si aggiungeranno tre sezioni tematiche: la bottala ‘Tales from the Wood’ con rarità, la sidreria e la zona ‘Camra’ con 12 vie di birre che hanno fatto la storia brassicola inglese, insieme a Ferrara Craft Beer City, dedicata alle produzioni del territorio. Sarà inoltre possibile acquistare bottiglie e lattine nella zona dedicata, all’interno di ‘Tales from the Wood’. L’ingresso sarà gratuito, e rimarrà attiva fino a domenica alle 12 la prevendita dei kit, composti da un bicchiere da degustazione, due gettoni e la guida alle birre, e dei gettoni a prezzo scontato. Ciascuno troverà il proprio ordine pronto all’ingresso, evitando così la coda alla cassa. È possibile acquistare tramite PayPal o presso il pub Il Molo.

Come ricorda Franchini, in un’ottica di economia circolare, "siamo l’unico festival in cui è possibile riutilizzare il bicchiere delle passate edizioni. Il festival non è una sagra, una festa della birra, è una degustazione. Ci aspettiamo una grande risposta: circa diecimila ingressi, le prevendite al momento vengono tutte da fuori". "Il chiostro è un luogo storico e ci fa piacere che sia valorizzato, insieme al patrimonio culinario, in cui le contrade sono molto capaci – così Angela Travagli, assessore alle attività produttive –. Questo festival è arrivato al decennale, vuol dire che l’evento rimane sul mercato e cresce, migliora con il tempo ed esce dai confini cittadini. È un evento per gli intenditori in particolare, ma è aperto a tutti, un luogo per degustare, conoscere, un momento culturale anche per chi non è del settore".