Quotidiano Nazionale logo
5 giu 2020

"Centri per disabili, si riparte ma non è facile"

Rosanna Francia, responsabile formazione della coop Cad, illustra la situazione "Si procederà in modo graduale modulando le esigenze di famiglie e sicurezza"

Rosanna Francia della Cad, cooperativa che opera nei servizi alle persone
Rosanna Francia della Cad, cooperativa che opera nei servizi alle persone
Rosanna Francia della Cad, cooperativa che opera nei servizi alle persone

di Stefania Cugnetto La Fase 2 è in fase avanzata. Bar, ristoranti, parrucchieri, saloni estetici e negozi hanno riaperto e (quasi) preso le misure con le norme previste. Ma ci sono settori che ancora faticano a ripartire e che devono immaginare un nuovo inizio e un nuovo modo di lavorare. E’ il caso dei centri per persone con disabilità. I servizi alle persone hanno subìto un brusco arresto, centri diurni per giovani e adulti disabili sono stati chiusi dal lockdown e le famiglie hanno dovuto sopperire a questa grave mancanza. Ma ora come sarà la Fase 2 dei centri per disabili? Come saranno i centri diurni che accoglievano ogni giorno adulti e giovani con disabilità? Una testimone diretta della questione è di sicuro Rosanna Francia, responsabile formazione della Cad di Forlì, cooperativa sociale nata nel 1976 e che a oggi conta più di 800 lavoratori. Si occupa di progettare e gestire servizi rivolti alle persone. Rosanna Francia, come si sta prefigurando la riapertura dei centri per persone con disabilità? "In maniera graduale e modulata. I centri diurni che fino a poco tempo fa accoglievano 23 persone in contemporanea non saranno possibili in questa fase, perciò va ripensato il nostro lavoro e quindi rimodulato". In che modo? "Siamo partiti dall’indicazione della Regione che ci ha fornito le direttive sanitarie, poi noi ci stiamo occupando di raccogliere i bisogni delle famiglie proponendo degli interventi diversificati. Dall’intervento domiciliare a quello da remoto fino ad arrivare al centro diurno per piccoli gruppi. Vogliamo che tutti abbiamo un’opportunità". Quindi piccoli gruppi e precauzioni sanitarie? "Sì, i gruppi dovranno essere formati da massimo 5 ospiti e un operatore e dovranno usufruire di spazi sanificati e a loro dedicati. Il nostro è un lavoro di sinergia, d’incontro, ma ora la parola d’ordine sarà isolamento onde evitare qualsiasi contagio. E ovviamente screening per tutti, operatori e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?