Quotidiano Nazionale logo
6 apr 2022

Ladri a caccia di olio e contanti Devastato il Frantoio Valsanterno

Nel mirino lo stabilimento e i locali per la rivendita dei prodotti. Colpiti anche i serbatoi per la lavorazione. La rabbia dei gestori: "Danni per 20mila euro, serviranno due settimane per tutte le riparazioni"

marco signorini
Cronaca
I danni provocati dai malviventi all’interno del Frantoio Valsanterno Indagano i carabinieri
I danni provocati dai malviventi all’interno del Frantoio Valsanterno Indagano i carabinieri
I danni provocati dai malviventi all’interno del Frantoio Valsanterno Indagano i carabinieri

di Marco Signorini

Danni per oltre 20mila euro e tanta rabbia. E’ il bilancio dell’assalto ai danni del Frantoio Valsanterno che è stato letteralmente messo a soqquadro da una banda di malviventi ricercata dai carabinieri. Il colpo, secondo una prima ricostruzione degli inquirenti, sarebbe stato messo a segno tra il pomeriggio dello scorso sabato e la notte tra domenica e lunedì.

I malviventi hanno preso di mira sia lo stabilimento che la vicina rivendita provocando gravi danni.

"Hanno seminato il caos ovunque – spiegano i responsabili dell’azienda –. Sono riusciti a mettere le mani su denaro contante, bottiglie e fusti d’olio e, non contenti, hanno portato via anche buona parte dei dispositivi elettronici in dotazione all’azienda tra cui alcune stampanti".

I banditi, tra l’altro, non hanno usato i ’guanti di velluto’. "Hanno sfondato porte e danneggiato cisterne – sottolineano i titolari – aggravando ulteriormente il bilancio dei danni. Sembra quasi che lo abbiano fatto di proposito".

I responsabili della struttura, ad ogni modo, hanno già presentato denuncia ai carabinieri che si sono messi immediatamente alla ricerca anche della più minima traccia lasciata dai malviventi. Un’indagine che si preannuncia comunque complessa considerando che l’azienda non è ancora protetta da videosorveglianza.

"Abbiamo in uso la struttura da circa un anno – spiega lo staff – e, all’interno degli interventi di riqualificazione, c’erano anche i lavori per l’installazione delle telecamere. Purtroppo i ladri ci hanno preceduto, ma faremo in modo che l’episodio non si ripeta".

L’azienda, infatti, intende bruciare i tempi anche per l’installazione di un impianto antifurto che comprenda, ovviamente, anche la videosorveglianza.

"Ci affacciamo in un’area dove non circolano molte persone – spiegano i gestori – ed è meglio essere previdenti".

Al frantoio, infatti, dovranno lavorare un paio di settimane per rimettere tutto in ordine, ma non si danno certo per vinti.

"Non ci scoraggiamo e torneremo ancora più ’carichi’ di prima – fa sapere lo staff –. Certo, questo brutto episodio assorbirà per più di qualche giorno quasi tutte le nostre energie. Vogliamo rimettere tutto in ordine il prima possibile".

La speranza, intanto, è che dai carabinieri arrivi qualche buona notizia. "Sospetti? – conclude lo staff dell’azienda – Proprio non ne abbiamo. Ma, per come hanno agito, non escludiamo che il colpo sia stato ben studiato, magari con qualche ’sopralluogo’ che ha preceduto il raid. Ma ora guardiamo avanti".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?