"Santerno in condizioni critiche"

La situazione del corso del Santerno a San Prospero preoccupa i residenti della zona. Il letto del fiume è pieno di terra franata, rami e alberi, che potrebbero causare un'altra alluvione nella Bassa Ravennate. Il consigliere comunale della Lega chiede un intervento immediato per evitare una nuova catastrofe.

"Santerno in condizioni critiche"

"Santerno in condizioni critiche".

La situazione del corso del Santerno dalle parti di via Longara, a San Prospero, preoccupa alcuni residenti della zona. Il letto del fiume risulta infatti pieno di terra franata, rami e qualche albero. Il timore di chi abita in quest’area è che, nel caso dovesse arrivare una piena, tali detriti potrebbero andare verso i paesi della Bassa ravennate colpiti dall’alluvione dello scorso maggio. Inoltre, forti piogge rischiano di provocare una nuova esondazione anche a San Prospero, dal momento che i residenti lamentano i pochi lavori svolti in questi mesi in zona e vedono un argine "molto precario in alcuni punti".

A raccogliere le segnalazioni, il consigliere comunale della Lega, Simone Carapia: "Dove sono andate a finire e come sono state impiegate tutte quelle risorse anticipate dal Municipio se la situazione è ancora così precaria? – domanda l’esponente del Carroccio –. I cittadini hanno paura perché se arrivano forti piogge siamo punto e a capo . È come recuperare i buoi scappati e non chiudere il recinto. Invito l’amministrazione a tenere monitorata la situazione e a intervenire celermente, visto che la competenza è regionale e quindi non c’è da far politica e melina sulla pelle della gente. La gente è stanca di una politica inconcludente sul territorio fatta di soli annunci e poco altro...".