"Aspettiamo la relazione strutturale. Intanto la biblioteca sarà trasferita"

Tartabini fa chiarezza sulla chiusura: "Le importanti criticità ci sono state segnalate solo in via informale"

"Aspettiamo la relazione strutturale. Intanto la biblioteca sarà trasferita"
"Aspettiamo la relazione strutturale. Intanto la biblioteca sarà trasferita"

"Ho affermato chiaramente che un mese e mezzo fa ci è stato anticipato solo per via informale, e dunque non con una relazione ufficiale, che lo stabile che ospita la biblioteca presenta delle importanti criticità. E anche alla luce di ciò è stata disposta la sospensione temporanea del servizio".

A puntualizzarlo è il sindaco di Potenza Picena, Noemi Tartabini, che risponde così alla lettera - alquanto polemica - scritta l’altro giorno dalla potentina Silvia Riccobelli, nei riguardi appunto del Comune. Quest’ultima aveva chiesto all’Amministrazione comunale di rendere pubbliche le relazioni tecniche effettuate sulla biblioteca di via Trento, dopo la chiusura dell’edificio avvenuta a fine dicembre per via di alcuni problemi strutturali, emersi nella storica sede. Ed ecco, ora, la replica del primo cittadino che non si è fatta attendere.

"Per onor di chiarezza ci tengo a riepilogare, anche alla luce di quanto accaduto, i vari passaggi – afferma in comunicato la Tartabini –. L’Amministrazione comunale, a seguito della nota generica dell’ex responsabile dell’ufficio tecnico che parlava di inadeguatezza degli edifici di via Trento, ha commissionato due pareri tecnici: uno sul fronte antincendio e un altro sul fronte strutturale. La relazione sull’antincendio ci è pervenuta in data 30 gennaio – sottolinea ancora il primo cittadino –. Siamo invece ancora in attesa di ricevere quella relativa al quadro strutturale, che però dovrebbe confermare la necessità di interventi importanti".

Nonostante ciò il sindaco Tartabini assicura che sarà sua premura aggiornare quanto prima la popolazione, e cioè non appena avrà in mano tutte le carte sullo stato dei locali di via Trento.

"Quando entrambe le relazioni commissionate saranno pervenute all’ente – riprende la Tartabini – e quindi si avrà un quadro chiaro degli interventi necessari e dei relativi costi, verrà data repentina comunicazione alla cittadinanza. A oggi, comunque, la soluzione più immediata per evitare il protrarsi della sospensione del servizio è quella di utilizzare i nuovi locali in via Dello Sport. Si sta lavorando su questo fronte e per l’affido della nuova gestione".