Blitz dei ladri in una casa Rubano l’auto e fuggono

Corridonia, malviventi entrano nell’abitazione di notte con la famiglia presente. Prendono le chiavi del veicolo e scappano. Vettura ritrovata, indagini in corso.

di Diego Pierluigi

Famiglia di Corridonia nel mirino dei ladri che la scorsa notte hanno fatto visita alla loro abitazione, riuscendo a portare via le chiavi e un’auto, la quale era parcheggiata nelle vicinanze. Il furto è avvenuto nella tarda serata di sabato, e, stando ad una prima ricostruzione di quanto è successo, dei malviventi si sarebbero introdotti nella casa, sfruttando il fatto che le finestre erano spalancate, complice magari il gran caldo di questi giorni, perciò senza forzare porte o infissi. Il tutto è avvenuto presumibilmente in pochi istanti e con discrezione. I balordi infatti una volta dentro, dopo aver constatato che ben poco c’era da arraffare, hanno deciso di appropriarsi delle chiavi dell’auto per poi dirigersi subito all’esterno e, una volta fuori avrebbero aperto senza particolari problemi il veicolo, dopodiché sono scappati nella notte. Intanto all’interno dell’abitazione erano presenti i proprietari, i quali, non avendo sentito alcun rumore sospetto, non si sono accorti di nulla ma hanno preso coscienza della situazione solo quando, probabilmente, hanno sentito il motore dell’auto accendersi. Il tempismo però non è bastato per bloccare i malintenzionati in quanto, una volta affacciati dalla finestra per capire ciò che stava succedendo, hanno visto la vettura lontana che già stava sfrecciando via, così hanno subito dato l’allarme e denunciato il fatto alle forze dell’ordine. Prontamente si sono attivati gli uomini della locale Stazione dei carabinieri che hanno nell’immediato fatto partire le ricerche, e con grande efficienza, sono riusciti a individuare l’automobile poche ore dopo: era abbandonata nelle campagne corridoniane, ma dei malviventi non vi era alcuna traccia. Le indagini di rito per stabilire la dinamica del caso e risalire all’identità dei ladri sono tuttora in corso, inoltre, al vaglio degli inquirenti ci sono anche i filmati del sistema di videosorveglianza, installato nella zona proprio dove è avvenuto il furto.