Capire dalle ossa alimentazione e malattie nell’antica Septempeda

L’antropologa Fusari terrà un incontro nell’ambito della mostra allestita al Museo archeologico ’Moretti’.

Capire dalle ossa alimentazione  e malattie nell’antica Septempeda
Capire dalle ossa alimentazione e malattie nell’antica Septempeda

Le ossa umane raccontano molto di noi. Agli antropologi è dato il compito di studiarle per comprendere la vita che facevano le popolazioni a cui esse si riferiscono. Grazie al prezioso contributo della dottoressa Samantha Fusari sarà possibile, analizzando le ossa ritrovate negli scavi archeologici della necropoli romana di Septempeda, conoscere alcune caratteristiche delle persone che hanno popolato l’antico abitato di San Severino, come sesso, età, malattie, alimentazione, lavori svolti e molto altro. L’incontro con la Fusari, dal titolo: "L’antropologia per la ricostruzione del passato" si terrà domenica, alle 17, nel suggestivo scenario del Museo archeologico "Giuseppe Moretti" e sarà la quarta conferenza collegata alla mostra "Oggetti, riti, rituali: morire a Septempeda tra il I e il III d.C.". A presentare l’evento sono il Comune di San Severino e la Rete Museale dell’Alta Valle del Potenza. Samantha Fusari, antropologa specializzata nella Bioarcheologia, nella Paleopatologia e nell’Antropologia forense, ha maturato grande esperienza sul campo prendendo parte a numerosi scavi archeologici nelle province di Ascoli, Macerata, Pesaro Urbino, Perugia, Piacenza e molte altre, per il recupero, la documentazione e lo studio di materiale osteologico. Collabora con il Comando carabinieri Nucleo tutela patrimonio culturale di Ancona. Ha seguito il recupero e la documentazione dei reperti osteologici durante l’indagine archeologica condotta nel 2021 in occasione della costruzione di una nuova struttura commerciale in città a seguito delle prescrizioni della Soprintendenza.

Molto partecipata, intanto, è stata la conferenza che, sempre al museo archeologico , ha visto trattare di fornaci, pentole e ricette a Settempeda la dottoressa Valeria Tubaldi. Con grande efficacia ha ricostruito parte della storia dell’antica Septempeda, legata alle attività economiche e produttive. Stando agli studi, Septempeda aveva un importante settore produttivo organizzato attorno a numerose fornaci in cui venivano realizzati, tra i vari prodotti, anche le Cumane, i famosi tegami particolarmente apprezzati nell’antica Roma.