"Città e tifosi meritano uno stadio migliore. Mi auguro che Ciarapica rispetti l’impegno"

La consigliera Bianchi torna sui fondi per sistemare il Polisportivo: "Spogliatoi in condizioni vergognose, non si può lasciare tutto così"

"Città e tifosi meritano uno stadio migliore. Mi auguro che Ciarapica rispetti l’impegno"
"Città e tifosi meritano uno stadio migliore. Mi auguro che Ciarapica rispetti l’impegno"

di Lorena Cellini

"In che condizioni è il Polisportivo? Gli spogliatoi sono una cosa schifosa, i ragazzi della Civitanovese in inverno fanno la doccia con le finestre spaccate e i termosifoni a palla. Non parliamo dei bagni che sono in uno stato indecente. Poi c’è il problema che si staccano pezzi di mura sul lato mare della struttura, e qui alcune porte sono inagibili e se la Civitanovese viene promossa in serie D non ci sono nemmeno le uscite di sicurezza garantite". Lavinia Bianchi è consigliere comunale della lista di minoranza SiAmo Civitanova e nell’ultima seduta dell’anno, quella del 28 dicembre in cui è stato approvato il bilancio di previsione per il 2024, aveva presentato un emendamento per stornare 880.000 euro dalla realizzazione di un campo di calcio in erba sintetica a Fontespina verso la riqualificazione del Polisportivo. Una proposta poi ritirata in aula, ma accompagnata dalle foto, mostrate in Consiglio durante il dibattito, dello stato di degrado di alcune zone dell’impianto. "Il sindaco – spiega Bianchi – ha detto che quei fondi erano già impegnati per il campo di Fontespina e che la progettazione era partita. A quel punto, piuttosto che far bocciare l’emendamento, ho preferito ritirarlo. C’è la promessa di Fabrizio Ciarapica di impegnarsi a trovare le somme per intervenire sullo stadio. Se ci credo? Mi auguro che l’impegno venga mantenuto. Certo, se i tempi di realizzazione sono quelli dei nuovi bagni non c’è da stare allegri". C’è stato anche il tentativo di cambiare il testo dell’emendamento per farlo votare. "Abbiamo provato a inserire nella richiesta di intervenire sul Polisportivo anche una progettualità che inglobasse gli spazi in cui si pratica la boxe, ma il segretario generale non lo ha permesso", dice l’esponente di SiAmo Civitanova. "In ogni caso – avverte – non permetteremo che il problema cada nel dimenticatoio. Ci hanno pure parlato di tante difficoltà per mettere a punto un intervento importante, ma si chiede che almeno nel breve venga data una sistemazione all’impianto, perché lo merita la città e lo meritano i tifosi della Civitanovese, che sono tanti e saranno anche loro attenti a controllare che gli amministratori non dimentichino la promessa di mettere tra le priorità il Polisportivo. Non si tenti di allungare ancora i tempi perché il modo di fare passare le varianti urbanistiche pare che l’amministrazione lo trovi sempre, quindi ci aspettiamo un impegno serio perché il Polisportivo non può essere lasciato nelle condizioni attuali".