Comando vigili del fuoco Nuova e moderna caserma

Finanziamento di 12 milioni e mezzo di euro garantito dall’Ufficio ricostruzione. Parcaroli: "Lavori in due fasi per mantenere la piena operatività del Corpo.

Comando vigili del fuoco  Nuova e moderna caserma

Comando vigili del fuoco Nuova e moderna caserma

di Lorenzo Fava

I vigili del fuoco di Macerata avranno una nuova caserma. È stato presentato il progetto che prevede, per la struttura di via Indipendenza, un finanziamento di 12 milioni e mezzo di euro. Entro settembre sarà pubblicata la gara d’appalto per i lavori, il cui completamento è previsto per il primo semestre del 2027. L’intervento, interamente studiato per la parte architettonica all’interno dell’ufficio tecnico della Provincia e sviluppato in sinergia con il comando provinciale dei vigili del fuoco, interesserà una superficie di 3.300 metri quadrati. "I lavori alla caserma si svolgeranno in due fasi, nella prima verrà costruito un nuovo edificio negli spazi dove è già stato demolito il castello delle esercitazioni – ha spiegato il responsabile del procedimento, l’ingegner Paolo Margione dell’ufficio tecnico della Provincia -, nel nuovo stabile troveranno posto l’autorimessa, le camerate e gli uffici. Contemporaneamente verrà realizzato il nuovo castello per le esercitazioni. Una volta terminata questa prima fase, tutta l’operatività del Comando verrà spostata da dove si trova attualmente ai nuovi edifici per procedere così alla demolizione dell’immobile degli anni cinquanta. Questo secondo edificio, una volta ricostruito, ospiterà i depositi, le cucine, al sala mensa, la sala operativa, il reparto prevenzione incendi e i locali per la formazione". Alla presentazione del progetto hanno preso parte anche l’onorevole Giorgia Latini, che ha sottolineato "l’importante sinergia che i vari enti coinvolti hanno dimostrato" e la senatrice Elena Leonardi, oltre al commissario straordinario per la ricostruzione Guido Castelli, che ha detto: "I vigili del fuoco sono stati degli angeli custodi per le comunità dell’Appennino centrale devastate dal terremoto. Si tratta di un intervento importante e innovativo, organizzato in modo che il cantiere non fermi l’operatività della caserma durante i lavori. Un altro esempio, dopo l’avvio delle procedure per la quasi totalità delle opere pubbliche finanziate a marzo, di come la ricostruzione pubblica possa esprimere innovazione, efficienza e capacità di spesa, segnando un nuovo passo nel rilancio del centro Italia". Al progetto ha collaborato anche il Dipartimento di energetica della Scuola di architettura di Unicam, i cui componenti hanno arricchito il progetto urbanistico architettonico e strutturale, configurando un nuovo complesso ad impatto energetico zero. Sandro Parcaroli, presidente della Provincia, ha ricordato: "Durante i lavori sarà garantita e salvaguardata l’operatività della caserma. Tutti gli interventi sono stati condivisi con il commissario Guido Castelli e con l’Ufficio ricostruzione che ha interamente finanziato l’opera. Ringrazio l’ex presidente della Provincia, Antonio Pettinari, e la struttura tecnica dell’Ente per aver avviato il progetto di questa opera fondamentale".