"Discarica a cielo aperto e topi in giro"

L’isola ecologica vicino all’Hotel House trasformata in un ammasso di rifiuti. Proteste dei residenti

"Discarica a cielo aperto e topi in giro"
"Discarica a cielo aperto e topi in giro"

"L’isola ecologica che si trova appena fuori dall’Hotel House è diventata una discarica a cielo aperto con tantissimi rifiuti, tra cui vecchi mobili e scarti di cibo, gettati là da persone residenti a Scossicci e nel centro cittadino. Ma il vero problema è che fra l’immondizia ci scorrazzano ogni giorno decine e decine di topi, e non ne possiamo davvero più". E’ la protesta di un 79enne di origine bresciana ma residente a Porto Recanati dal 1998, che vive in un condominio di via Salvo D’Acquisto, situato accanto all’Hotel House. "Purtroppo nella nostra zona c’è da tempo immemore una grossa criticità igienica - spiega l’uomo -, e riguarda l’immondizia abbandonata selvaggiamente nell’isola ecologica presente lungo la strada. Malgrado quell’area dovrebbe essere usata solo da chi abita nella via, così in realtà non è. Diverse persone provenienti da ogni angolo di Porto Recanati vengono qui a depositare rifiuti di ogni tipo: si va dall’umido fino a materassi, poltrone, scatoloni e persino materiali edili. E proprio ciò – osserva ancora -, ha fatto sì che ormai ci siano tantissimi topi nei dintorni. Puntualmente, e soprattutto nel pomeriggio, girano a destra e manca per poi rosicchiare la spazzatura. Non è possibile andare avanti in tal modo. E visto che l’isola ecologica ha le telecamere di videosorveglianza, perché non si fanno multe a chi getta la spazzatura senza essere autorizzato?". Inoltre, il 79enne sottolinea un altro aspetto delicato della vicenda. "La presenza dei ratti è pericolosa anche perché vicino a quei bidoni si trova una pensilina, dove i bambini e i ragazzi aspettano ogni mattina l’autobus scolastico – riprende il residente -. Poi, la giunta parlava mesi fa di un progetto per spostare l’isola ecologica in un’altra area, poco distante da qua. Per quale motivo il cantiere non è partito? E contesto pure che non è stato fatto nessun intervento di derattizzazione in via Salvo D’Acquisto, malgrado la conclama emergenza topi". Per tale motivo, l’uomo non lesina pesanti critiche all’attuale giunta. "Sono un cittadino che paga la Tari, e non capisco questa diversità di trattamento con il resto della città – rimarca il bresciano -. Il risultato attuale è che tanti proprietari di appartamenti si stanno sbrigando a vendere, proprio per queste problematiche. Per carità, qui la situazione non è mai stata delle migliori. Però, con la precedente Amministrazione qualcosa si faceva, mentre con quella attuale niente".