Faraci: "Papa gesuita e comunista, dimettiti"

Frasi social choc del coordinatore cittadino di FdI: "Sei la rovina della chiesa cattolica". Sciapichetti: "Acquaroli, cosa ne pensa?"

Macerata, 8 gennaio 2024 – "Caro gesuita e comunista dimettiti. Sei la rovina della chiesa cattolica". È finito nuovamente nell’occhio del ciclone per un suo commento social Celestino Faraci, coordinatore cittadino di Fratelli d’Italia a Potenza Picena, stavolta riferito a Papa Francesco.

Celestino Faraci, il suo post e Papa Francesco
Celestino Faraci, il suo post e Papa Francesco

Il post ora incriminato è stato da lui condiviso venerdì mattina su Facebook, ma presto ha suscitato la reazione di molti suoi concittadini e non solo. In realtà non è la prima volta che Faraci si rende autore di qualche "sparata" sui social network.

Infatti, a dicembre del 2022 aveva scritto sempre su Facebook la frase "Sempre con Putin!", provocando lo sdegno del centrosinistra e di altri cittadini, visto il delicato momento che si stava vivendo con la guerra in est Europa. Tant’è che aveva poi presentato le sue dimissioni da coordinatore di FdI, che però erano state respinte.

Mentre di recente, a fine dicembre, aveva pubblicato sui social un post che riguardava l’ormai defunto Movimento Sociale Italiano, trovando le feroci critiche del Pd. E adesso, con questo nuovo commento al vetriolo contro l’attuale pontefice, le forze di centrosinistra sono tornate a tuonare all’indirizzo di Faraci. In primis Angelo Sciapichetti, attuale segretario provinciale del Pd e in passato assessore regionale. "A prima vista verrebbe voglia di non prendere sul serio le uscite di Faraci – scrive Sciapichetti in una nota –, diventato tristemente noto per una serie di uscite incommentabili, a dir poco imbarazzanti.

Ma siccome questo signore è il coordinatore di Fratelli d’Italia a Potenza Picena, a cui sono iscritti il governatore della Regione Francesco Acquaroli e la sindaca Noemi Tartabini, la cosa non può passare inosservata. Faraci qualche giorno fa se ne è uscito scrivendo un post per festeggiare l’anniversario della nascita del Msi – ricorda Sciapichetti –, il partito dei nostalgici del fascismo. Oggi, sempre Faraci, se ne esce attaccando Papa Francesco con farneticazioni volgari nei confronti di un pontefice. Può il governatore Acquaroli continuare a non vedere, non parlare e non sentire? Qui siamo davvero oltre. Caro Acquaroli, le dichiarazioni del suo presidente di circolo offendono buona parte della comunità marchigiana, e varrebbe la pena di sapere il suo pensiero in proposito, non crede?".

Critiche pure da parte dell’ex deputato Mario Morgoni, candidato sindaco con il centrosinistra a Potenza Picena. "In tempi difficili, come quelli che viviamo, la figura di Papa Francesco è un solido punto di riferimento per ogni persona di buona volontà – dice Morgoni –. Chissà che non sia proprio questo ad aver fatto infuriare il rappresentativo esponente e responsabile politico di Fratelli d’Italia di Potenza Picena, Celestino Faraci. In ogni caso, anche questo è un segno dei tempi che viviamo".