Il rettore Leoni in consiglio: "Forte legame con la città"

È stato accolto dal sindaco e da tutti i consiglieri, ha parlato anche del futuro dell’ateneo. Poi la discussione si è incentrata sul bilancio.

Il rettore Leoni in consiglio: "Forte legame con la città"
Il rettore Leoni in consiglio: "Forte legame con la città"

Diversi i punti nella seduta del consiglio comunale, come il Dup per la triennalità 2024/26 e il bilancio di previsione, ma l’importanza della serata va all’intervento del magnifico rettore dell’Università di Camerino, Graziano Leoni, entrato in carica in autunno. A dare il benvenuto al rettore Leoni, il sindaco Roberto Lucarelli che ha rimarcato il piacere e l’onore nell’evento ricordando la vicinanza della città all’ateneo e viceversa. "Ho voluto fare questi incontri con i sindaci e consigli comunali dei comuni dove l’Università ha le sedi, ma questo è speciale. Università e città sono intimamente legate. Ciascuno deve essere orgoglioso dell’altro".

Di ricostruzione ha voluto parlare Leoni, dalla costruzione del Chip, il mega centro di ricerca chimico di ultima generazione, fino alle novità: "Oggi abbiamo tutte le opere almeno progettate. Forse è una notizia quella di Palazzo Ducale, ma in un tavolo tecnico è stato informalmente approvato il progetto, con dei prezzi da rivedere visto che sono molto rigidi quelli della struttura commissariale". All’edificio ex magistrali è confermato si sposterà il rettorato entro gennaio. L’obiettivo di Leoni è recuperare la storia dell’ateneo nato nel 1336, che è dentro le mura. Per la presenza del rettore esprimono contentezza e un ringraziamento anche il presidente del consiglio Cesare Pierdominici, il capogruppo di maggioranza Gianluca Pasqui e il capogruppo di minoranza Sandro Sborgia. Conclude i saluti il sindaco con la consegna dello stemma della città.

Il consiglio è poi passato all’ordine del giorno e centrali erano i punti all’ordine riguardanti imposte, Documento unico di programmazione, e bilancio di previsione dove intervenuta l’assessore al bilancio Erika Cervelli è stata esposta tra le altre l’intenzione di contrarre un mutuo di 650 mila euro utili a procedere con i lavori di ammodernamento del palazzetto sportivo comunale, previsti a un milione e 350 mila euro, e di cui 700 mila arriveranno dal bando sport e periferie in cui il comune è rientrato nei giorni scorsi. Una critica tecnica arriva dal consigliere di minoranza Luca Marassi per cui nel Dup per il prossimo anno sono previste 88 opere e oltre mentre l’ufficio tecnico del comune "negli ultimi 18 mesi ha registrato l’uscita del funzionario responsabile Marco Orioli e le dimissioni dell’attuale ingegner Bracalente". Una preoccupazione per cui secondo il consigliere non sarà facile assolvere a molti interventi.