"L’ospedale non toglie fondi agli altri Comuni"

Sclavi dopo le parole di Carancini: "Rassicuro i miei colleghi e ringrazio il commissario Castelli"

"L’ospedale non toglie fondi agli altri Comuni"
"L’ospedale non toglie fondi agli altri Comuni"

Il cantiere per il nuovo ospedale di Tolentino è "prossimo all’inizio dei lavori": si tratta di un’opera che "i miei concittadini attendono da tantissimo tempo". Sono le parole del sindaco Mauro Sclavi (nella foto) che, con una nota, rassicura i Comuni del territorio sul fatto che questo intervento "nulla toglie alle altre realtà locali". Sclavi, infatti, sottolinea di aver sempre avuto a cuore il territorio, "non solo quello di Tolentino, ma anche quelli provinciale e regionale, e si dice "consapevole del fatto che la singola azione amministrativa - nell’attuale contesto socioeconomico nazionale e regionale - non sia mai efficace" a risolvere i problemi, essendo necessario "un costante confronto tra istituzioni, in particolare tra amministratori locali".

Pertanto, "con questo spirito - scrive Mauro Sclavi - mi sento di rassicurare i colleghi sindaci sul provvedimento del Commissario che permette il necessario avvio delle procedure di demolizione e ricostruzione dell’ospedale e del Distretto di Tolentino, che rappresentano da sempre un riferimento essenziale anche per l’entroterra e sono inseriti in una rete socio-sanitaria che garantisce vicinanza al cittadino e il fondamentale supporto all’ospedale di Macerata. Ringrazio quindi il Commissario Castelli perché in una logica di ottimizzazione delle risorse economiche pubbliche guarda alle esigenze e alle priorità del momento, senza tergiversare oltremodo con atti amministrativi di rinvio. Questo è il momento dell’impulso alla ricostruzione pubblica e sono convinto che dopo Tolentino, come confermato dal Commissario stesso, si rispetteranno tutti gli impegni finanziari già presi con le altre Amministrazioni locali, avuto riguardo ai cantieri già avviati o da avviare. Ritengo che questo sia un metodo corretto e rispettoso del principio di buon andamento ed efficienza della Pubblica amministrazione, al di là di mere considerazioni politiche".

Le parole del sindaco Sclavi nascono dalla polemica innescata nei giorni scorsi dal consigliere regionale Romano Carancini che aveva criticato Guido Castelli per "aver dirottato su Tolentino - a suo dire – 15 milioni e mezzo di euro stanziati precedentemente per San Ginesio, Offida, Fabriano, Macerata e Sarnano".

m. g.