Rilanciare il territorio,. Mosciatti e Bernardini vincono il concorso

Stefano Mosciatti e Manuel Bernardini vincono il concorso di idee per rivitalizzare Camerino: progetto originale per valorizzare la storia dei Da Varano e dare un'ulteriore spinta alla ricostruzione post-sisma.

Rilanciare il territorio,. Mosciatti e Bernardini vincono il concorso
Rilanciare il territorio,. Mosciatti e Bernardini vincono il concorso

Stefano Mosciatti e Manuel Bernardini hanno vinto il concorso di idee per proposte e progetti tesi a rivitalizzare la situazione socio-economica del territorio camerinese: i due ragazzi, entrambi di Camerino, sono stati decretati vincitori in occasione del Concerto di Natale, con viva soddisfazione del sindaco Roberto Lucarelli e dell’amministrazione comunale. Il bando era stato deliberato dalla Giunta nella scorsa estate in seguito all’iniziativa del presidente del Consiglio comunale, Cesare Pierdominici, di rinunciare alla propria indennità di funzione per destinarla a iniziative rivolte in favore della collettività camerte. "Soddisfatto per questa iniziativa – ha dichiarato lo stesso Pierdominici – perché il progetto è finalizzato all’individuazione di idee che rivitalizzino l’economia e il tessuto sociale della città di Camerino. In concreto i due vincitori, che sono due ragazzi camerinesi, hanno individuato una proposta che spicca per originalità – ha spiegato il presidente del Consiglio comunale –: stanno infatti pensando ad un cammino dedicato ai Da Varano ed ai siti collegati alla loro storia, che darà beneficio a tutti gli operatori economici, coinvolgendo la città per più giorni. Sono curioso e davvero fiducioso di vedere concretizzare queste idee – conclude Pierdominici – che certamente impreziosiranno e valorizzeranno Camerino, dando un’ulteriore spinta alla ricostruzione". I vincitori sono stati decretati sulla base di vari criteri di valutazione di progetti, proposte e idee: punti chiave la capacità e la sostenibilità economico finanziaria della strategia progettuale e della proposta formulata, in termini di un suo impatto positivo e duraturo sull’ambito territoriale interessato dall’intervento, oltre alla capacità di rispondere alle esigenze di miglioramento della qualità della vita all’interno del territorio camerte a seguito del sisma del 2016.