Una nuova antenna a Collevario. Comune pronto a cedere il terreno

La società milanese Inwit vuole realizzare una stazione radio per telecomunicazioni in via Pirandello

Una nuova antenna a Collevario. Comune pronto a cedere il terreno
Una nuova antenna a Collevario. Comune pronto a cedere il terreno

Il Comune pronto a sottoscrivere il contratto con la società Infrastrutture Wireless Italiane spa (Inwit) per la realizzazione di una stazione radio per le telecomunicazioni a Collevario. La giunta, infatti, ha accolto la richiesta arrivata dalla società milanese, che opera nel settore delle infrastrutture per le telecomunicazioni elettroniche, relativa alla cessione di una porzione di terreno di 50 metri quadri in via Pirandello, destinata ad ospitare un’antenna.

La società ha offerto come corrispettivo la somma di settemila euro annui omnicomprensivi, da corrispondere in due rate semestrali di 3.500 euro ciascuna, da pagarsi entro la prima decade di ogni semestre. Il contratto, una volta sottoscritto, avrà una durata di nove anni, con possibilità di rinnovo tacito per periodi consecutivi di nove anni in nove anni. Nella bozza di contratto è previsto che la porzione di terreno sarà utilizzata "esclusivamente per la realizzazione e manutenzione di impianti di telecomunicazioni, comprensivi di tutte le necessarie strutture, antenne ed apparecchiature per la diffusione di segnali di telecomunicazioni per la fornitura di un servizio pubblico di telecomunicazioni". Sarà vietato, invece, alla società "destinare, anche temporaneamente, la porzione locata oggetto del presente contratto ad usi diversi, a pena di risoluzione del contratto. È consentita l’ospitalità di altri gestori nella porzione locata". Secondo quanto previsto, quindi, la Inwit potrà installare sul terreno impianti e infrastrutture per reti di radio e tele/videocomunicazione elettronica e avrà campo piuttosto libero sull’utilizzazione dato che potrà "installare, mantenere, integrare e modificare anche all’esterno dell’immobile cavi elettrici e telefonici, sia aerei che sotterranei, con relativi appoggi e manufatti, sistemi radianti, sostegni per antenne ed impianti di telecomunicazione in ponte radio, apporre cartelli, targhe, tabelle anche non relativi all’attività esercitata, nonché eseguire opere di protezione degli impianti tecnici e degli arredi".

Tutti gli oneri sono a carico della società, che ha già depositato una polizza assicurativa e una fidejussione contro eventuali danni, e dovrà "mantenere ed usare la porzione di immobile locato con diligenza, per sé, i suoi dipendenti, fornitori e clienti e chiunque vi acceda".

m. p.