Al Comunale La leggenda di Belle e la Bestia

Il musical con le coreografie di Silvia De Petri e le scene ideate da Fabrizio Cattaneo. Oltre settanta costumi della Francia dell’Ottocento .

Al Comunale La leggenda di Belle e la Bestia

Un’immagine dello spettacolo ’La leggenda di Belle e la Bestia’.

In questi tempi così complicati e spesso bui, è bello ogni tanto trovare rifugio nelle favole e nel loro messaggio di speranza. Ben venga dunque ’La leggenda di Belle e la Bestia’, il musical che approderà domani sera al teatro Comunale Pavarotti Freni di Modena. Liberamente ispirato alla fiaba di Jeanne-Marie Leprince De Beaumont (quella da cui anche la Disney ha attinto per il celebre film di animazione), è uno spettacolo del tutto originale, prodotto dalla Compagnia dell’Ora, con la firma di Luca Cattaneo, autore e regista, e le musiche composte da Enrico Galimberti che vedremo anche in scena nel ruolo della Bestia. Un musical entusiasmante e coinvolgente, già alla sua terza stagione, con le coreografie di Silvia De Petri, le scene ideate da Fabrizio Cattaneo e più di settanta costumi che richiamano la Francia dell’Ottocento, per uno show capace davvero di riunire a teatro tutta la famiglia.

Amore e avventura si intrecciano in questa favola emozionante. In un castello lontano un giovane principe, che è stato trasformato in bestia ripugnante a causa della sua prepotenza, convive con ricordi confusi del suo passato: solo una persona in grado di amarlo più della sua stessa vita potrà spezzare l’incantesimo. L’incontro con Belle gli fa riaffiorare nella memoria un sentimento ormai sbiadito che attende soltanto di riaccendersi. Sarà lei a rompere il maleficio e a far rinascere il sentimento? Ma di Belle si è invaghito anche Miguel che con le sue trame segrete vuole riuscire ad averla in sposa. Come finirà?

Risate e commozione, realtà e immaginazione si alternano in questa storia, che ci presenta le vicende della dolcissima Belle in una versione inedita perché – spiega la compagnia – "anche nelle storie già conosciute si possono trovare diversi spunti narrativi e far provare nuove emozioni". A dare volto e voce a Belle è Diletta Belleri, mentre la Bestia – come detto – è lo stesso Enrico Galimberti, e nel ruolo di Miguel si alternano Manuel Diodato e Ottavio Cannizzaro. La compagnia prende il nome dall’Ora, la piacevole brezza che nelle giornate estive soffia sulle acque del lago d’Iseo: il gruppo teatrale è infatti nato a Lovere, sulle rive del lago, e nell’arco di pochi anni è arrivato a occupare un posto d’onore nel panorama nazionale del musical.