Allarme sicurezza. Baby gang in centro. Cinque amici accerchiati, uno picchiato e rapinato

Aggressione sabato sera tra viale Martiri e via Gallucci, nel cuore della movida. Un 17enne è stato spinto a terra da una decina di 14enni e preso a pugni. La vittima è finita all’ospedale con traumi e denti rotti. Indaga la polizia .

Allarme sicurezza. Baby gang in centro. Cinque amici accerchiati, uno picchiato e rapinato

Allarme sicurezza. Baby gang in centro. Cinque amici accerchiati, uno picchiato e rapinato

Ancora un’aggressione, l’ennesimo episodio di violenza che vede protagonisti adolescenti. E’ accaduto sabato poco dopo la mezzanotte in via Martiri della Libertà, a pochi passi da via Gallucci, nel cuore della movida. Da quanto riportato da un genitore e dal titolare di un pub tutto è avvenuto in pochi attimi. Un gruppo di compagni di classe diciassettenni, due ragazze e tre ragazzi, stavano camminando lungo la strada quando sono stati accerchiati da una gang di ragazzini stranieri, circa una decina, giovanissimi, all’apparenza 1415 anni appena. Mentre parte del gruppo di amici è riuscito a sfilarsi, uno di loro è rimasto in trappola. "Dacci i soldi", gli hanno detto, "non ne ho", la risposta, "adesso vediamo noi se non li hai" hanno ribattuto con tono di sfida, poi sono partite le botte; il ragazzo è stato spinto a terra, gli hanno sfilato alcuni indumenti forse alla ricerca di contanti colpendolo con dei pugni in faccia. Poi sono scappati lasciandolo a terra dolorante. Così l’hanno trovato i poliziotti arrivati con più Volanti e il personale del 118 giunto sul posto con l’ambulanza. In quel momento, di sabato sera, la zona, una delle mete dei giovani durante il weekend, è ancora molto popolata e sono diverse le persone che hanno assistito alla scena. Il ragazzo è stato portato con un’ambulanza all’ospedale; ha un trauma facciale e denti rotti. Luca Petrilli è il titolare del pub Mr Brown lungo via Gallucci, che all’ora dell’aggressione era ancora aperto.

Petrilli e alcuni clienti hanno assistito alla scena. "E’ stato l’ennesimo episodio di questo genere che accade in centro storico". Una violenza immotivata.

"Qui – prosegue il titolare del pub – abbiamo un problema di sicurezza; non tanto lungo via Gallucci che anche quando ci sono 1500 persone non è un luogo pericoloso, difficilmente accadono guai – sottolinea – tra i clienti dei locali; il problema è il parco (parco Pertini, ndr), perché è lì che spesso gravitano persone poco raccomandabili. Io ho due figli piccoli; se penso che possano essere aggrediti e rapinati quando escono al sabato sera in centro a Modena mi sento male. Anche quando chiudo il locale alle sera e mi avvio a piedi verso casa non mi sento tranquillo, non sai mai cosa ti può succedere; potresti incappare in balordi che magari tirano fuori un coltello. Il problema – conclude Luca Petrilli – è che neanche le forze dell’ordine possono fare più di tanto".

Dopo la rapina, i poliziotti hanno fatto diverse ricognizioni per rintracciare gli autori. Si tratterebbe di un gruppo di minori tunisini, già indiziati di altri reati simili. L’indagine è in carico alla Squadra Mobile che ha proceduto ad acquisire le immagini di videosorveglianza della zona.