Anche i furbetti del cassonetto nel mirino delle guardie ecologiche

Formigine, 95 violazioni accertate sul conferimento dei rifiuti. Il bilancio dei controlli su aree verdi e casolari.

Anche i furbetti del cassonetto nel mirino delle guardie ecologiche
Anche i furbetti del cassonetto nel mirino delle guardie ecologiche

Oltre 15mila chilometri percorsi sul territorio nel corso delle 2889 ore di servizio prestato nel corso del 2023. E’ il bilancio dell’attività delle Ggev di Formigine, le Guardie Giurate Ecologiche Volontarie che vedono l’ex comandante della Polizia Municipale Mario Rossi coordinare, in stretta collaborazione con la Polizia Locale e e l’Assessorato all’Ambiente, undici volontari. La cui ‘mission’ è la tutela di ambiente, verde e animali, che si è esplicata, oltre che nel presidio delle aree verdi comunali e nei controlli, ben 416, sulle attività venatorie, nelle attività di vigilanza e ispezione sulle aree rurali (il cosiddetto ‘forese’, che rappresenta l’80% del territorio formiginese) e sugli edifici in stato di abbandono – 121 quelli ‘attenzionati’ dalle Ggev – suscettibili di occupazioni abusive o, più spesso, non adeguatamente recintati a dispetto dell’ordinanza in vigore sulla sicurezza delle zone rurali. Detto che le ore sul territorio dalla Ggev sono aumentate, resta da aggiungere come i controlli dei volontari si siano concentrati anche sul corretto conferimento dei rifiuti: 95 le violazioni accertate.