Capodanno Modena 2024, festa in Sant’Agostino con l’artista tedesco Robert Henke

Dieci laser ad alti ssima precisione proietteranno forme, oggetti e testi. L’assessore Bortolamasi: "Il piazzale è un luogo simbolo, centro di cultura"

Migration

Modena, 30 dicembre 2023 – Dieci laser ad altissima precisione che, a ritmo di musica techno, proiettano forme, oggetti e testi su una superficie di ottanta metri di lunghezza per venti di altezza. Dalle 23 di domani piazzale Sant’Agostino si trasformerà in un palcoscenico a cielo aperto per ospitare l’anteprima mondiale della performance audiovisiva "20232024" dell’artista tedesco Robert Henke e dare il benvenuto all’anno nuovo. La proiezione monumentale, promossa dal Comune, curata da Node con il sostegno di Fondazione di Modena e in collaborazione con Ago, sarà interamente gratuita e durerà circa un’ora.

Migration

"Il nostro intento – illustra Filippo Aldovini, direttore artistico di Node – è quello di unire tanti linguaggi per coinvolgere le persone e valorizzare un luogo pubblico importante per la città. Nell’arte di Henke ogni nota musicale diventa allo stesso tempo luce e suono: il risultato sarà una festa per occhi e orecchie". La scelta di rendere piazzale Sant’Agostino parte della stessa scenografia si pone in continuità con una serie di interventi di rigenerazione promossi dal Comune di Modena per trasformare quest’area in un unico polo artistico e culturale.

"Il piazzale – dichiara l’assessore alla Cultura, Andrea Bortolamasi – è un luogo simbolico, un contenitore culturale a cielo aperto che sarà arricchito con luci, suoni e sound design. Siamo orgogliosi che Modena ospiti l’anteprima mondiale dello spettacolo di Henke: una performance immersiva che, per una notte, permette di vivere in maniera diversa uno spazio pubblico caro alla città". Decisivi, per la realizzazione di questa iniziativa, i contributi di Fondazione di Modena e la collaborazione di Ago. "Ciò che rende speciale questa performance – chiarisce Valerio Zanni, consigliere di amministrazione di Fondazione di Modena – è la capacità di unire elementi tradizionali e innovativi. Il fatto che una città sia capace di riutilizzare gli spazi della sua storia e aprirsi al cambiamento è, certamente, un bel segnale".

“Le parole chiave di questa iniziativa – spiega Donatella Pieri, presidente di Fondazione Ago – sono accessibilità e fruibilità: in occasione di capodanno, infatti, tutti potranno godere di una performance di alto livello in una piazza che unisce tanti luoghi di grande valore artistico e culturale". Si potrà accedere all’area dello spettacolo sia da largo Moro, sia da via Emilia centro; all’entrata dello spazio adibito all’esibizione sono previste procedure di sicurezza con controllo a campione. A seguire, sempre in piazzale Sant’Agostino è in programma l’aftershow di Electric Indigo. Come previsto da un’ordinanza del sindaco, inoltre, in centro storico saranno vietate vendita, cessione e somministrazione per asporto di ogni genere di bevanda in contenitori di vetro o lattine.