Ecco la Ciclovia del Mito: 21 km di strada che collegano i due musei Ferrari

La presentazione avvenuta in Provincia: oltre al tracciato già esistente, è stato mostrato anche il nuovo logo, che ricorda una bandiera a scacchi bianca e rossa

Due tratti della ciclovia del mito e la mappa del percorso che collega Modena a Maranello

Due tratti della ciclovia del mito e la mappa del percorso che collega Modena a Maranello

Modena, 2 aprile 2024 – È stata presentata ufficialmente oggi la Ciclovia del Mito: un nastro d’asfalto che attraversa i Comuni di Modena, Formigine, Fiorano e Maranello in un itinerario di 21 km riservato a pedoni e biciclette, per collegare il Museo Casa Natale Enzo Ferrari di Modena e il Museo Ferrari di Maranello.

Il percorso ciclopedonale, che connetterà un’area popolata da quasi 250.000 cittadini, nasce con l’idea di valorizzare il territorio modenese e le sue eccellenze, tenendo conto sia delle sfide ambientali, sia dell’attrattività turistica della zona.

Oltre al tracciato già esistente, è stato presentato anche il nuovo logo, che ricorda una bandiera a scacchi bianca e rossa, e caratterizzerà i pannelli e la segnaletica orizzontale della Ciclovia, che saranno predisposti nelle prossime settimane.

"Il marchio che caratterizzerà il percorso ciclabile che collega i due musei Ferrari – dichiara il sindaco di Modena, Gian Carlo Muzzarelli – non poteva che richiamare il mondo dell’automobilismo. Dopo i quasi 750.000 visitatori dell’anno scorso nei musei di Modena e Maranello, dobbiamo continuare a garantire le connessioni per turisti e cittadini. Siamo un territorio che sta diventando sempre più attrattivo ed è importante continuare a offrire soluzioni di qualità per chi viene a visitare Modena".

Ciclovia del mito conferenza stampa in provincia
Ciclovia del mito conferenza stampa in provincia

“Iniziative come questa – spiega il presidente della Provincia, Fabio Braglia – ci consentono di promuovere al meglio le eccellenze del territorio, mantenendo allo stesso tempo un’attenzione particolare verso mobilità dolce e sostenibilità. Possiamo affermare che, oggi, il tracciato della ciclovia esista già. Ora, andremo soltanto a investire alcune risorse per metterla definitivamente in funzione".