Endometriosi, mille pazienti in cura: "Yoga per alleviare il dolore cronico"

Al Policlinico l’innovativo progetto ’Endogym’, riabilitazione mirata basata sul trattamento dei muscoli. Il professor La Marca: "E’ una patologia cronica infiammatoria di cui si parla ancora troppo poco" .

Endometriosi, mille pazienti in cura: "Yoga per alleviare il dolore cronico"

Al Policlinico l’innovativo progetto ’Endogym’, riabilitazione mirata basata sul trattamento dei muscoli. Il professor La Marca: "E’ una patologia cronica infiammatoria di cui si parla ancora troppo poco" .

Oltre tre milioni di donne ‘colpite’ solo in Italia, una su dieci. Nella maggior parte dei casi la patologia rende la loro vita un inferno di dolore, privandole della possibilità di diventare mamme. Ricorre oggi la Giornata Mondiale dell’Endometriosi, una patologia cronica e progressiva che colpisce le donne in età fertile. La diagnosi è ancora difficile: arriva dopo tanti anni di sofferenze ma l’Azienda Ospedaliero – Universitaria di Modena da tempo è scesa in campo con un Centro e una equipe multidisciplinare per garantire un percorso mirato alle pazienti affette dalla patologia. Ogni anno infatti a Modena vengono seguite un migliaio di pazienti in ambulatorio ed effettuati numerosi interventi chirurgici. Ieri mattina è stato presentato il progetto Endogym, unico in Italia, che si rivolge alle pazienti affette da endometriosi con dolore miofasciale e dispareunia. L’obiettivo è valutare i diversi benefici dati dalla pratica dello Yoga per alleviare il dolore pelvico cronico e il dolore miofasciale. "E’ una patologia di cui si parla ancora troppo poco – ha sottolineato il Dg Claudio Vagnini –. Sono fiero di questo progetto, che evidenzia ancora una volta come l’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena abbia intrapreso un percorso importante sul tema dell’umanizzazione delle cure: aiuteremo le donne con un percorso di riabilitazione diverso basato sullo yoga". "L’endometriosi è una malattia infiammatoria cronica, caratterizzata dalla presenza di tessuto endometriale al di fuori della cavità uterina – spiega il prof. Antonio La Marca, direttore dell’Ostetricia e Ginecologia – gli esperti devono sedersi insieme e così abbiamo fatto per pensare al miglior percorso terapeutico per le pazienti. Quando una donna con endometriosi lamenta il problema dell’infertilità viene interpellato l’esperto di medicina della riproduzione e nel caso di endometriosi forniamo un percorso accelerato, ma ci stiamo muovendo a livello regionale e ministeriale per permettere alle pazienti la preservazione della fertilità". "La fisiopatologia dell’associazione tra endometriosi e dolore è poco conosciuta – ricorda il dottor Carlo Alboni, responsabile di Chirurgia ginecologica e dell’ambulatorio endometriosi –. Si ritiene che l’infiammazione sia una delle principali cause di dolore nell’endometriosi. Il dolore pelvico cronico influisce profondamente sulla vita delle donne: porta ad affaticamento, ansia e in alcuni casi a depressione a causa dell’impatto che la malattia determina sulla qualità di vita delle pazienti: lo yoga e il trattamento antalgico dei muscoli del pavimento pelvico sono pratiche utili a trattare il dolore cronico".

Sempre per sensibilizzare sull’endometriosi è stata inaugurata ieri pomeriggio in via Peruzzi a Carpi la panchina gialla. Un progetto nato grazie all’impegno delle associazioni di volontariato "La voce di una e la voce di tutte", "Associazione Progetto Endometriosi – Ape" e Vivere Donna. E questa sera, alle 20.30 all’auditorium Loria, è in programma un convegno sulla patologia organizzato da Ausl, Comune e Associazioni.

Valentina Reggiani