Tanta gente nei locali della città (Foto Fiocchi)
Tanta gente nei locali della città (Foto Fiocchi)

Modena, 13 agosto 2019 - Aprire o non aprire nella settimana di Ferragosto? Questo il dilemma che tormenta gli esercenti. Mai come quest’anno, sotto la Ghirlandina, sembra che il tessuto economico - in particolare bar e ristoranti in centro storico - abbia deciso di raccogliere la sfida e limitare al massimo le ferie ferragostiane. E se esistesse un cartello standard da appendere in ogni vetrina reciterebbe: ‘Città aperta per turismo’. Insomma, basta strade vuote e spettrali, basta cittadini e visitatori disorientati (e provati) alla ricerca di una bottiglietta d’acqua per sopravvivere alla calura aggressiva. Del resto i dati parlano chiaro: negli ultimi quattro anni (fonte Comune di Modena) le presenze turistiche in provincia sono aumentate quasi del 50%. Tutto questo si riflette sulle strategie dei commercianti.

Alex, titolare della Caffetteria Grande Italia (Foto Fiocchi)

Nel nostro giro giro nel cuore cittadino, abbiamo fatto un piccolo sondaggio per capire chi ha già chiuso e chi, invece, rimarrà, chi più e chi meno, aperto tutta la settimana. Qualche numero? Su venticinque bar interpellati tra via Emilia centro, piazza Grande, via Farini e corso Canalchiaro, in una ventina (l’80%) resteranno a disposizione di modenesi e, soprattutto, turisti. Stessa cosa per i ristoranti: su dieci contattati, in sette garantiranno il pranzo di Ferragosto.

«E’ il primo anno che decidiamo di rimanere aperti anche il 15. Per noi è un esperimento, ma ci crediamo molto» fanno sapere dal Caffè Molinari. «Di persone se ne vedono – dicono Valeria Gavrylenko ed Edoardo Belloni –, così col nostro titolare abbiamo deciso di provarci. Turisti? Basta guardarsi attorno per accorgersi che sono in aumento».

E’ convinto della buona affluenza il titolare della Caffetteria Grande Italia, Alex: «Gestisco questo bar da metà 2018 e la clientela non manca». Sempre aperto pure il Gran Café Bistrot in piazza XX Settembre. Ci prova il bar ‘Bisquadro’: «Se penso solo a un anno fa, non c’era tanta ‘mossa’ – dice il titolare Marco –. Ci ho riflettuto e sicuramente rimarrò aperto la mattina». Garantiranno il turno mattutino anche il Caffè Pavarotti («Sia il 14 che il 15 noi ci siamo») che il Bar la Piazza all’ombra del Duomo: «Tutti i giorni accoglieremo clienti fino alle 15 – fa sapere la proprietaria Silvia Lugli –, poi dal 18 agosto riprenderemo con l’apertura normale».

Non conosceranno ferie neppure il Caffè Concerto in piazza Grande e lo storico Caffè dell’Orologio in piazzetta delle Ova. Appena fuori dal centro storico, sono già pronti a fare il pieno di clientela, specialmente in orario aperitivo e dopo cena, i chioschi del Parco delle Rimembranze, che già in queste prime settimane di riapertura sono tornati tra i must della movida cittadina.

E i negozi? A parte la chiusura sacrosanta del 15 agosto (qualcuno anche il 16), non sono pochi (circa una ventina) quelli che terranno le serrande alzate. Tra loro la Tabaccheria Montanari in piazza Grande: «A Ferragosto ci saremo al mattino – spiega il titolare Giuliano Lugli –. Lo so, è raro vedere un’attività del genere aperta, ma di turisti in giro ce n’è, così come di modenesi rimasti a casa, quindi siamo felici di fare la nostra parte».