Maltrattò i genitori per anni, rischia il processo

Un uomo di 40 anni denunciato dalla madre. Pur essendo stato in cura psichiatrica, per il perito era capace di intendere e volere

Maltrattò i genitori per anni, rischia il processo

Maltrattò i genitori per anni, rischia il processo

Aggressioni verbali e fisiche, umiliazioni e minacce durate dieci anni.

E’ con la pesante accusa di maltrattamenti in famiglia che un 40enne di Sassuolo rischia ora il processo. A denunciarlo, nel 2022 sono stati proprio i genitori del 40enne, stanchi di subire intimidazioni quotidiane e di vivere nella paura.

Ieri mattina il perito nominato dal giudice in sede di incidente probatorio ha riconosciuto una semi infermità mentale dell’imputato: infatti il 40enne, in passato, era in cura al Csm ma lo stesso perito non avrebbe ravvisato una ‘infermità’ totale.

In sostanza, il 40enne potrebbe essere rinviato a giudizio per maltrattamenti poiché in grado di intendere e volere al momento dei fatti contestati, se non pienamente, almeno in parte. Ora gli atti torneranno in procura. La denuncia nei confronti dell’uomo risale a due anni fa, al 2022, quando la mamma dell’imputato, evidentemente stremata per quello che doveva subire, si presentò dai carabinieri per sporgere denuncia contro il figlio, parlando di minacce quotidiane, violenze, soprusi che si protraevano almeno da dieci anni.

La donna spiegò agli inquirenti di aver cercato di aiutare il ragazzo ma di non essere stata in grado di fermare la scia di violenza iniziata nel 2012. Pare che le liti, violentissime fossero legate nella maggior parte dei casi a futili motivi: senza un apparente motivazione il 40enne iniziava ad inveire contro i coniugi, offendendoli, aggredendoli verbalmente e a volte anche fisicamente, scagliando loro addosso tutto ciò che gli capitava tra le mani. Subito sono scattate le indagini delle forze dell’ordine, che hanno portato all’allontanamento del 40enne dalla casa familiare. In più occasioni – è emerso dalle indagini – l’imputato aveva anche devastato gli arredi di casa, pretenendo contestualmente denaro dagli anziani genitori. Il giudice aveva chiesto in sede di incidente probatorio la perizia psichiatrica per il 40enne – difeso dall’avvocato Luca La Marca. L’imputato era stato in cura anche in passato per problemi psichiatrici. La perizia redatta dal consulente ha poi confermato un vizio parziale di mente appunto ma l’uomo finirà probabilmente a giudizio. Pare che il 40enne avesse vissuto per lungo tempo in un garage attiguo all’abitazione dei genitori. Ora sta seguendo un percorso.