Modena e Cosenza, precedenti incoraggianti. I calabresi non hanno mai vinto al Braglia

La sfida tra le due società è iniziata nel 1962 (vittoria dei canarini). Poi sono seguite altre sei partite, sempre in serie B

Modena e Cosenza, precedenti incoraggianti. I calabresi non hanno mai vinto al Braglia
Modena e Cosenza, precedenti incoraggianti. I calabresi non hanno mai vinto al Braglia

Sono appena sette, tutti in Serie B, i precedenti al "Braglia" fra il Modena e il Cosenza. Il bilancio è nettamente a favore della squadra gialloblù con 5 vittorie, 2 pareggi e nessuna sconfitta, 11 reti segnate e 3 subite. Il primo confronto risale al 20 maggio 1962 quando il neo promosso Modena, lanciato verso la Serie A, si imponeva 2-1, con una rete per tempo, di Lamberto Giorgis su rigore nel primo e di Lamberto Leonardi nella ripresa. Girogis era un giocatore di personalità, in grado di giostrare da mediano, che era il suo ruolo naturale, ma anche da stopper e da libero. In assenza del portiere Luigi Balzarini toccava a lui portare la fascia di capitano. Leonardi era un’ala velocissima, cresciuto nel vivaio della Roma in seguito giocò anche nella Juventus. La gara era molto sentita, soprattutto per il precedente dell’andata, quando sul campo il Cosenza si era imposto 2-1, con i gialloblù Aguzzoli e Thermes espulsi e con il lancio di sassi e oggetti vari verso i canarini. Tinazzi, colpito sul volto da una bottiglietta, svenne e il giudice sportivo decretò poi la vittoria del Modena per 2-0. Le due squadre tornarono ad affrontarsi 29 anni dopo, nel 1990-91, quando il Modena si affermava 2-0 grazie a un colpo di testa del centravanti Enio Bonaldi e una pennellata del talentuoso interno Massimo Pellegrini, che in quel campionato andava a segno nove volte. Altro successo del Modena nella stagione successiva, questa volta 2-1 in rimonta, con rete di testa del difensore Luca Moz, che pareggiava il gol d’apertura di Marulla, al quale è poi stato intitolato lo stadio di Cosenza, oggi "San Vito-Gigi Marulla", e assolo del fantasista gialloblù Mario Massimo Caruso. Dopo lo 0-0 del 1992-93, quando i calabresi conquistavano il loro primo punto al "Braglia", il Modena tornava a imporsi nel campionato successivo, 2-0 con reti di Enrico Chiesa e Fabrizio Provitali dopo appena sette minuti di gioco.

Chiesa in quel campionato realizzava 14 reti, insufficienti però per evitare la retrocessione in C del Modena. Nel 2001-02 la neo promossa squadra gialloblù, reduce dalla sconfitta di Como, iniziava bene la sfida con il Cosenza, sbloccando in fretta il punteggio con Rubens Pasino ma nella ripresa i rossoblù agguantavano il pareggio. Un mezzo passo falso che non pregiudicava la corsa verso la massima serie. L’ultimo confronto, nella scorsa stagione, vedeva il Modena imporsi 2-0. A un primo tempo equilibrato e noioso faceva seguito una ripresa scoppiettante, con i gialloblù che sbloccavano il punteggio dopo 83 minuti con uno spunto di Fabio Gerli, che dedicava la rete al nonno appena scomparso, mentre due minuti più tardi arrivava il raddoppio di Romeo Giovannini. Sia per Gerli che per Giovannini si trattava del primo gol stagionali.

Rossano Donnini