Ospedali, sanitari in ’allerta’: "Evitate fuochi d’artificio illegali. E se guidate non bevete alcol"

Stefano Pigati, medico del Pronto Soccordo di Baggiovara: "Di solito i modenesi sono attenti. Quello che ci preoccupa di più sono gli incidenti stradali che possono provocare traumi importanti".

Ospedali, sanitari in ’allerta’: "Evitate fuochi d’artificio illegali. E se guidate non bevete alcol"
Ospedali, sanitari in ’allerta’: "Evitate fuochi d’artificio illegali. E se guidate non bevete alcol"

di Emanuela Zanasi

San Silvestro, notte di divertimento ma attenzione agli imprevisti, che possono costare molto cari, causati da imprudenza. Come sempre a mettere in guardia da pericoli in agguato nella notte che dà il benvenuto all’anno nuovo, sono gli stessi medici. Il primo consiglio a Capodanno riguarda naturalmente i petardi e altri strumenti pirotecnici da maneggiare con cura per evitare di finire i festeggiamenti all’ospedale.

"Di solito i modenesi sono attenti – premette il dottor Stefano Pigati medico del pronto soccorso dell’ospedale di Baggiovara – ma occorre prima di tutto assolutamente evitare tutto quello che è artificio illegale. E’ poi bene stare molto attenti ai petardi inesplosi per non rischiare di procurarsi dei danni che possono anche essere irreversibili e invalidanti soprattutto agli arti e alle mani. I traumi più frequenti che abbiamo visto in questi anni sono principalmente lesioni da scoppio soprattutto alle mani e ustioni al volto, zone dunque molto delicate. E’ dunque necessario – prosegue il medico - evitare di riaccendere o comunque maneggiare dei fuochi inesplosi. Anche nel caso di strumenti legali e quindi certificati con marchio CE occorre comunque maneggiarli con molta cura seguendo le istruzioni d’uso e lontano dai bambini".

Poi c’è il capitolo incidenti stradali. Se le campagne per invitare alla prudenza alla guida non si fermano mai, a maggior ragione nella notte più ’folle’ dell’anno è d’obbligo ricordare quali sono i rischi al volante.

"Guidare piano – sottolinea il primario del pronto soccorso – e non mettersi al volante se si é in stato alterato da droghe o alcol. L’incidentalità stradale è un vero problema; molto più importante delle lesioni da fuochi di artificio. Il consiglio è rivolto non solo ai giovani ma anche a persone di mezza età che vediamo con traumi importanti".

San Silvestro significa spesso qualche bicchiere in più ma anche qui, se si eccede, si rischiano conseguenze pesanti per la salute. "Mediamente arrivano in pronto soccorso ragazzi sempre più giovani – prosegue il dottor Pigati – fortunatamente non abbiamo numeri enormi ma sicuramente l’alcol è un problema presente e che persiste. Se la persona è priva di coscienza o ha uno stato gravemente alterato è bene chiamare il 118 ma se lo stato di coscienza è conservato ed e è presente solo il malessere o il vomito, sintomi dunque da intossicazione da alcol, non c’è necessità di accedere al pronto soccorso. Per noi comunque la notte di Capodanno rispecchia mediamente un turno ‘normale’ - conclude il medico -con qualche accesso in più per traumi e intossicazione da alcol ma, i numeri a Modena fortunatamente, non sono preoccupanti".