Pirati a caccia di bitcoin, indaga la Postale

Inviano link che se cliccati da qualcuno diventano cavalli di troia nei database con informazioni sensibili

Pirati a caccia di bitcoin, indaga la Postale
Pirati a caccia di bitcoin, indaga la Postale

Organizzazioni ben strutturate composte da cybercriminali. Ecco chi c’è dietro ai pericolosi e gravissimi attacchi informatici che ieri hanno colpito le tre aziende sanitarie modenesi. Il gruppo responsabile dell’attacco appartiene all’Hunter International, noto per diversi attacchi avvenuti in diversi paesi. Parliamo di CryptoLocker: un ransomware che cifra i dati del computer della vittima, di fatto bloccandolo, e chiedendo il pagamento di un riscatto per ripristinarli.

In genere i cybercriminali approfittano delle vulnerabilità dei sistemi informatici per entrare in azione, inviando link che, se ‘cliccati’ fanno scattare il riscatto in Bitcoin. "Se non credi che siamo noi i responsabili, mandaci un file che te lo decriptiamo", scrivono di solito. Ieri l’indagine da parte della sezione operativa per la sicurezza cibernetica della polizia postale è scattata immediatamente.

Hunters International è un programma dannoso che utilizza un ransomware per crittografare i dati delle vittime al fine di richiedere un riscatto per la loro decrittografia. Recentemente il gruppo di Hunters International ha annunciato di effettuare operazioni volte all’esfiltrazione di dati da grandi entità e il messaggio del ransomware Hunters International fornisce istruzioni su come contattare i responsabi

Intanto l’Ausl e Aou informano che sulla home page del portale Ausl sarà a disposizione il costante aggiornamento sulla situazione dei servizi. "Si invitano i cittadini a consultare periodicamente la pagina www.ausl.mo.it e le pagine di AOU (www.aou.mo.it) e Ospedale di Sassuolo Spa (www.ospedalesassuolo.it)". Anche perché I numeri dei Call center – prenotazioni, informazioni, Urp, Sanità pubblica, ecc – potrebbero non essere funzionanti, si invitano i cittadini a riprovare nei prossimi giorni.

Per la Continuità assistenziale (Guardia medica) è stato disposto un sistema alternativo per garantire comunque la risposta al numero unico 800 032 032, ma non saranno attive alcune funzioni e questo potrà determinare un aumento dei tempi di attesa. È importante fare riferimento al proprio Medico di medicina generale o Pediatra di libera scelta negli orari di disponibilità, limitando il contatto con la Guardia medica ai soli casi urgenti non rimandabili.

Valentina Reggiani