Rifiuti, caos porta a porta : "Troppa improvvisazione, cittadini usati come cavie"

Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia Elisa Rossini: "Nessuna visione". Domani parte la raccolta notturna. Introdotti gli adesivi per le esposizioni tardive.

Rifiuti, caos porta a porta : "Troppa improvvisazione, cittadini usati come cavie"
Rifiuti, caos porta a porta : "Troppa improvvisazione, cittadini usati come cavie"

"Da piazza Grande si annuncia in pompa magna la partenza della cosiddetta ’fase 2’ del sistema di raccolta differenziata con annunciati ritiri notturni dei sacchi gialli e blu (ieri però in varie parti della città a mattinata inoltrata i sacchi erano ancora ben visibili nelle aiuole divenute discariche…), ma in realtà nessuna fase è mai stata pianificata e si procede all’insegna dell’improvvisazione". Così Elisa Rossini capogruppo in Consiglio Comunale di Fratelli d’Italia che vuole fare luce sul piano annuale delle attività che deve essere redatto dal gestore in base all’articolo 3 del disciplinare tecnico allegato al contratto di servizio di gestione dei rifiuti. "Il sistema di raccolta è partito un anno fa senza una visione e un programma preciso – scrive Rossini nella nota che annuncia anche un’interrgoazione in Consiglio comunale – Si è proceduto al buio, usando i cittadini come cavie di una indecorosa sperimentazione che ha portato in pochi mesi Modena ad essere immersa nei rifiuti. Un degrado inaccettabile ed una situazione che può risolversi solamente fermando questo disastro e riposizionando i cassonetti. Hera risulta inadempiente agli obblighi contrattuali, primo fra i quali il mantenimento nell’avvio del nuovo sistema di un livello di pulizia pari a quello antecedente all’avvio stesso. Di fronte a tutto ciò la Giunta fa proclami, inventa fasi inesistenti, non è in grado di relazionarsi con il gestore nell’interesse dei cittadini", afferma Elisa Rossini. "Un anno fa Fratelli d’Italia chiedeva che la raccolta differenziata non si facesse con il porta a porta ritenendo che in una città con la densità abitativa di Modena un sistema di quel genere non fosse gestibile. Non siamo stati ascoltati".

Intanto Hera e Comune danno il via alla fase 2, quella della raccolta notturna che parte proprio tra domenica e lunedì per carta e plastica nelle nelle zone ad alta densità residenziale di Modena dove insistono circa 77mila utenze. La novità prevede che i cittadini espongano nei pressi del proprio civico i sacchi gialli e blu della raccolta differenziata dopo le 19 e prima delle 23. Il passaggio porta a porta degli operatorI infatti, è previsto di notte, e consentirà di liberare la città dai sacchi di carta e plastica esposti correttamente già entro le 6-6.30. Il calendario già consegnato alle utenze non cambia e l’esposizione va fatta la sera precedente rispetto al giorno di raccolta indicato. Sono escluse da tale cambiamento le frazioni, il forese, il centro storico e le zone artigianali-industriali. Il debutto della raccolta notturna avverrà quindi nel quartiere 4 e, parzialmente, nel quartiere 3 dove è in vigore il calendario rosso. Sui sacchetti esposti tardivamente e individuati da tutor e agenti accertatori (che quindi potrebbero rimanere in strada fino all’intervento dello spazzino di quartiere) sarà attaccato un adesivo che segnala l’errato conferimento. Si tratta di un bollino giallo a forma di smile, con intento informativo, che evidenzia come il sacco sia stato esposto in ritardo ma anche ‘preso in carico’ per essere ritirato. Eventuali altri sacchetti esposti su suolo pubblico di giorno potranno essere solo un abbandono.