Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Resto del Carlino logo
23 feb 2022

Uccisa e nascosta in frigo, Ilaria scagionata "Finalmente libera, è stato un anno terribile"

Per l’omicidio della carpigiana Lepore a Santo Domingo a processo solo ’El Chino’. Prosciolti gli amici italiani: "Una fondazione per Claudia"

23 feb 2022
maria silvia cabri
Cronaca
featured image
La modenese Ilaria Benati
featured image
La modenese Ilaria Benati

di Maria Silvia Cabri "Sono finalmente libera, esiste una giustizia divina, torno a casa". Queste le prime parole che la modenese Ilaria Benati ha pronunciato lunedì sera al suo avvocato Luca Brezigar dopo che il giudice del Tribunale dominicano di Higuey ha pronunciato la sentenza di non luogo a procedere nei confronti suoi e del toscano Jacopo Capasso, entrambi indagati per l’omicidio della carpigiana Claudia Lepore, trovata morta a 59 anni, a fine gennaio 2021, dentro al frigorifero di casa sua a Punta Cana (Santo Domingo). Da oltre un anno i due italiani si trovavano in carcere come presunti mandanti dell’omicidio di Claudia, insieme al dominicano Antonio Lantigua, detto El Chino, reo confesso come autore materiale del delitto, che è stato invece rinviato a giudizio per violenza sessuale, omicidio e occultamento di cadavere. Attraverso l’avvocato Brezigar, Ilaria fa sapere di essere "chiaramente contenta anche se è stato l’anno peggiore della mia vita. Aspetto di uscire dal carcere e ho voglia di vedere mamma e nonna: a loro e agli amici che mi hanno sempre sostenuto in questo anno va il mio grazie. Presto pubblicherò il libro che ho scritto qui in carcere sulle condizioni in cui si vive e porterò avanti il mio progetto di aprire una fondazione a nome di Claudia per tutte le carcerate Della Colon14 (il nome del carcere). Finalmente potrò andare a salutare Claudia in quel mare che ha tanto amato". Ilaria e Jacopo potranno lasciare il carcere appena la sentenza diventerà esecutiva: al massimo tra una settimana. "Ilaria è una donna libera – afferma l’avvocato Brezigar – dopo che per un anno è stata in carcere da innocente. L’accusa non era in possesso di alcun elemento probatorio, ma si è ‘prodigata’ in una ricerca spasmodica di un movente basato sul nulla". In merito al ritorno di ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?