"Una partita giocata nella maniera giusta"

Dionisi soddisfatto. Juric: "Peccato per oggi,. abbiamo creato chance,. ma senza concretizzarle".

"Una partita giocata nella maniera giusta"
"Una partita giocata nella maniera giusta"

"Sicuramente un po’ di preoccupazione c’è". Parole e musica di Giovanni Carnevali prima del match, e immaginiamo la preoccupazione resti, anche perché il pari non è una vittoria e perché, ha detto ancora Carnevali, "la classifica è un po’ corta". E continua a piangere, ancorchè mossa dopo un mese di stenti da una squadra che è sembrata viva, guidata da un tecnico che, logica suggerisce, sarà ancora Alessio Dionisi. Il piano B, ovvero il possibile esonero (a Grosso, nome forte, pare si sia aggiunto Ballardini) potrebbe a questo punto restare nei cassetti della stanza dei bottoni neroverdi, dove riaprirli a breve non sembra essere cosa. Poi vedremo, perché comunque la dirigenza, come ha fatto capire Carnevali, riflette, ma la squadra vista ieri merita, forse, un’altra chance. La pensa così Pinamonti ("non guardo le notizie, guardo quello che possiamo fare") che dice che "la squadra sta lavorando tanto e bene, consapevole di essere in una situazione non facile. Tutti – dice il centravanti – stiamo tirando fuori tutto e sono certo che così ne usciremo". Ne resta certo anche Dionisi, che parla di una partita "giocata nel modo giusto. I risultati pesano, e questa è stata una buona prestazione. Ci è mancato qualcosa negli ultimi 20 metri ma questo è un momento in cui andiamo in campo condizionati dal momento. Ma, aggiunge l’allenatore del Sassuolo, "ce la siamo giocata, e ce la siamo giocata accettando la partita. I ragazzi meritano i complimenti perché sono andati oltre il momento. La partita era difficile, tutti hanno fatto bene, tutti si sono messi a disposizione".

Mastica amaro Juric, con un Torino che concilia male un’ottima fase difensiva con una fase offensiva carente, ma parla di "ottima prestazione da parte dei suoi: situazioni pericolose ne abbiamo create ma non le abbiamo sfruttato appieno".