Parma, la Costituzione consegnata ai neo diciottenni

Trentuno studenti hanno partecipato alla cerimonia di consegna, i ragazzi sono stati selezionati in rappresentanza degli istituti superiori di Parma e Provincia

il sindaco consegna la Costituzione
il sindaco consegna la Costituzione

Parma, 4 maggio 2021 - Trentuno studenti neo-diciottenni sono diventati cittadini a pieno titolo. A sancire questo importante passaggio nella vita dei ragazzi, è stata la Cerimonia di consegna della Costituzione, un momento di grande emozione avvenuto alla presenza delle autorità. I ragazzi e le ragazze presenti - due per ogni Istituto scolastico superiore di Parma e del territorio provinciale - hanno rappresentato i loro coetanei, quest'anno diventati maggiorenni.  “Vi consegniamo questo piccolo grande dono", ha detto il sindaco Federico Pizzarotti, "con l'auspicio che vi possiate, durante il vostro cammino di cittadini e cittadine, trovare delle risposte. Risposte che forse non troverete nella politica dei nostri giorni".

Una cerimonia all'aperto

La consegna si è svolta sotto la tettoia Liberty del parco ex Eridania, tra i presenti anche il prefetto Antonio Lucio Garufi e il presidente della Provincia, Diego Rossi. Il Prefetto ha inteso la Costituzione come punto di riferimento per i giovani. "Testimonia il vostro ingresso nel mondo delle responsabilità, nella schiera di chi decide le sorti del Paese”, ha sottolineato Garufi. E ha aggiunto: "Recuperate e rafforzate i propositi che contiene, perchè su di noi incombe l'onere del percorso che farà uscire il Paese dalla pandemia. Il nostro agire deve far sì che sia il più breve possibile".

Nella Costituzione è scritto il futuro

"La Costituzione contiene un sogno di futuro che apparteneva a giovani come voi, giovani che hanno creduto che si potesse andare oltre", ha spiegato il presidente della Provincia, Rossi. Elisabetta Zanichelli e Simona Scalzo dell'Ufficio Scolastico hanno raccomandato agli studenti di leggere e soffermarsi soprattutto sui primi 12 articoli e, citando Calamandrei, hanno invitato i ragazzi ad "essere giovani adulti che si donano alla comunità con entusiasmo ed energia”.

"Nella Costituzione è racchiuso il futuro - ha concluso Carmelo Iannello della Consulta provinciale degli Studenti - quello di un Paese e delle sue generazioni”.