Morta azzannata dal cane, il sindaco: “Certi animali troppo pericolosi, vanno tolti”

Omar Lavanna: “Non si tratta di destino o coincidenze. Abbiamo sottratto 10 pitbull a proprietari che non erano capaci di gestirli adeguatamente”

Morta azzannata dal suo cane: parla il sindaco di Mercatino Conca, Omar Lavanna

Morta azzannata dal suo cane: parla il sindaco di Mercatino Conca, Omar Lavanna

Mercatino Conca (Pesaro e Urbino), 1 marzo 2024 – Il sindaco di Mercatino Conca Omar Lavanna interviene sulla tragedia che è costata la vita a Gianna Canova, morta sbranata dal proprio cane.

“Sono esterrefatto da questa tragedia – commenta –. E’ avvenuta mentre è in esecuzione a Piandicastello un’ordinanza con cui vengono sottratti sei cani di razza pitbull al proprietario rivelatosi incapace di gestirli adeguatamente. E ora, a Cà Nova una signora viene aggredita e uccisa dal suo stesso cane. Non si tratta di destino o coincidenze, certi animali sono potenzialmente un’arma e per questo servono adeguatezza e senso di responsabilità per custodirli. Non sono un gioco e non si scherza. Grazie al 118, ai carabinieri, ai vigili, ai veterinari per il pronto intervento".

Approfondisci:

Muore sbranata dal cane a Pesaro, l’addestratrice spiega i rischi legati alla razza

Muore sbranata dal cane a Pesaro, l’addestratrice spiega i rischi legati alla razza

Aggiunge il sindaco: "Abbiamo portato in totale 10 cani pitbull nei vari canili sottraendoli al proprietario e questo costa ogni anno 30mila euro alle casse del Comune. E non lo ritengo nemmeno giusto. I cani vanno tenuti al guinzaglio e quelli pericolosi non possono rimanere nelle case o liberi. Tragedie come quella di Cà Nova non devono più accadere". La procura di Urbino ha affidato le indagini ai carabinieri del luogo.