Valentino Rossi e le cadute di Bagnaia: ecco cosa ha detto il Dottore

Il Dottore, giunto col suo team VR46 a Jerez de la Frontera, dove domenica è in programma il Gran Premio di Spagna, si è soffermato sul momento difficile del pilota della Ducati: “Abbiamo parlato molto, gli ho detto che basta andare più piano”

Valentino Rossi

epa10288200 Former Italian MotoGP champion Valentino Rossi reacts at the paddock of the Ricardo Tormo Circuit in Cheste, Valencia, 05 November 2022. Comunidad Valenciana Motorciclyng Grand Prix, the last Grand Prix of the season, runs on 06 November 2022. EPA/BIEL ALINO

Pesaro, 29 aprile 2023 – "Abbiamo un grande team, ma non mi aspettavo che la vittoria arrivasse così presto. Marini e Bezzecchi sono due piloti forti. Le cadute di Bagnaia? Gli ho detto che gli basta andare un pochino più piano”. Sono le prime di Valentino Rossigiunto a Jerez de la Frontera, dove domenica è in programma il Gran Premio di Spagna.

"Tornare qui da team owner è sicuramente più rilassante rispetto a quando venivo da pilota. Sono molto fiero del mio team, di Luca Marini e di Marco Bezzecchi, sono bravi. Se mi aspettavo così presto una vittoria? Quando abbiamo creato il team io ed Uccio ci chiedevamo se saremmo mai riusciti a vincere una gara, perché non era scontato - ha detto ai microfoni di Sky Sport il Dottore a proposito dei risultati ottenuti dal Mooney VR46 Racing Team con la vittoria in Argentina di Bezzecchi -. Non mi aspettavo che arrivasse così presto, è stato emozionante".

Su Marini e Bezzecchi, Rossi ha spiegato: "Luca è molto curioso, fa sempre molte domande, cercando di imparare dagli altri, ha un approccio molto intelligente. Abbiamo una bella squadra, Luca e Marco sono due piloti molto forti e molto veloci, ma allo stesso tempo molto diversi. Questa differenza è utile per crescere: Luca guarda Marco e Marco guarda Luca, cercando di rubare l'uno i segreti dell'altro, insieme formano una bella coppia di piloti. Bezzecchi è un pilota esplosivo, corre con il cuore, questo è molto importante, ma deve cercare di affinare la sua guida per migliorare e magari vincere il Mondiale". 

Rossi si è anche soffermato su Bagnaia, che arriva da due cadute: "Abbiamo parlato molto quando è tornato da Austin, gli ho cercato di spiegare quello che pensavo, perché secondo me ha sbagliato, è difficile, perché quando sei davanti e cadi è dura da superare. Dispiace, però lo vedo bene, gli ho detto che gli basta andare un pochino più piano senza sbagliare, perché basta lo stesso".

Per Rossi in crescita anche Morbidelli: "Quest'anno non è tanto lontano dal passato, sta guidando bene, queste sono delle gare molto importanti per lui, deve cercare di andare veloce per restare nella Yamaha ufficiale, loro prenderanno una decisione nelle prossime 4-5 gare. Il problema è che la situazione tecnica della Yamaha è un po' difficile, anche Quartararo sta facendo molta fatica, è molto più difficile quando devi lottare per fare ottavo. Però ci deve provare, deve provare a essere veloce come Quartararo, sperando che intanto la Yamaha migliori".

Infine, sulla sua nuova avventura con le macchine, Rossi ha concluso: "Quest'anno abbiamo cambiato macchina, con la BMW mi trovo molto bene, siamo andati molto forte a Monza, siamo partiti in prima fila, dopo purtroppo ho fatto un piccolo errore che mi è costato caro, ancora mi manca un pelo per stare tutto il tempo davanti con i più forti, però stiamo crescendo".