Gli aiuti alla Confraternita arrivano dalla Toscana

Le Confraternite della Misericordia Italiana hanno donato un assegno e due litografie alla Confraternita di Castel Bolognese, colpita dall'alluvione del 17-18 maggio. Un gesto di solidarietà per sostenere la popolazione e ringraziare i ragazzi che hanno aiutato a ripulire.

Gli aiuti alla Confraternita  arrivano dalla Toscana
Gli aiuti alla Confraternita arrivano dalla Toscana

Continuano i gesti di solidarietà delle Confraternite della Misericordia Italiana a favore della locale Confraternita, in supporto alla popolazione di Castel Bolognese duramente colpita dall’alluvione del 17-18 maggio. In un breve ma intenso incontro, svoltosi in sala consiliare nella mattinata di sabato 29 luglio, alla presenza del vicegovernatore della Misericordia castellana, di alcuni volontari e del vicesindaco, si è tenuta la consegna di un assegno da parte della Confraternita della Misericordia di Santa Croce sull’Arno (Pisa) alla consorella Confraternita della Misericordia di Castel Bolognese.

La donazione è il frutto di una raccolta promossa dai confratelli toscani, aperta a tutta la popolazione della città di Santa Croce sull’Arno. Le offerte sono terminate poche ore prima della partenza della delegazione alla volta di Castel Bolognese.

Oltre alle numerose pubblicazioni che raccontano le bellezze e le attività della città di Santa Croce sull’Arno, sono state donate due bellissime litografie, una per la Confraternita e una per il Comune, del noto pittore Giuseppe Lambertucci, alla cui tavola è annesso il seguente pensiero: "Come l’Angelo è costantemente presente nella solitudine dell’artista, così gli Angeli della Misericordia sono presenti e sempre pronti ad aiutare il prossimo".

La Confraternita di Castel Bolognese, unitamente all’amministrazione, è grata del gesto dei confratelli, e dedica queste parole alle ragazze e ai ragazzi che sono stati così attivi spalando fango e svuotando scantinati nel dopo alluvione, portando non solo aiuto ma anche tanta allegria.