"‘Insieme Salviamo Solarolo’. Raccogliamo adesioni su Facebook"

Ermanno Zacchini presiede il comitato promotore di quella che intende diventare una lista civica

"‘Insieme Salviamo Solarolo’. Raccogliamo adesioni su Facebook"

Ermanno Zacchini è il coordinatore del comitato cittadino promotore di ‘Insieme Salviamo Solarolo’

Il comitato cittadino promotore di quella che intende diventare la lista civica ‘Insieme Salviamo Solarolo’ vuole dare vita a una propria lista indipendente in vista delle Amministrative dell’8 e 9 giugno. L’1 aprile gli aderenti si sono riuniti e hanno confermato all’unanimità il loro organigramma: coordinatore è Ermanno Zacchini, mentre del comitato di coordinamento faranno parte il vice Manuel Sgalaberna, l’amministratrice Maria Virginia Zacchini, il cassiere Mario Settembrini e il componente Giuseppe Zacchini. A loro toccherà la scelta di un candidato sindaco da contrapporre all’unica candidata oggi in campo, Maria Diletta Beltrani, sostenuta dal centrosinistra. Vari i temi all’ordine del giorno della neonata creatura politica, a partire "dagli aiuti governativi post-alluvione, che per ora sono una ‘ingarbugliata chimera’, ai quali, se non cambia qualcosa sarà difficile accedere. Noi ci aspettavamo che chi ha governato il nostro paese fino ad ora comprendesse la necessità di unire tutte le forze più capaci ed espressione dell’intera comunità. Pensiamo che gli elettori debbano avere la possibilità di poter scegliere, con la presenza anche di una lista indipendente come la nostra, composta da cittadini che si mettono ‘Insieme per Salvare Solarolo’ dal decadimento morale, culturale, civile e sociale cui è stato ridotto negli ultimi venticinque anni (senza contare l’ignavia e l’inettitudine nell’affrontare l’arrivo dell’alluvione)". "Stiamo raccogliendo tramite Facebook (non avendo altro mezzo né sostentamenti economici di ‘sottogoverno locale o regionale’) – scrivono dal comitato –, le adesioni al comitato, nonché le candidature a sindaco e consigliere comunale. Siamo una lista che si forma atipicamente rispetto alle altre, ove uno si candida a sindaco per poi circondarsi di Yes Men per il consiglio comunale. Noi quando chiuderemo la raccolta dei candidati, tra coloro che si saranno presentati, sceglieremo il candidato sindaco e i consiglieri comunali, in armonia, applicando le regole stabilite nel nostro regolamento. Crediamo che questo nostro metodo sia il più democratico possibile, nonché innovativo, in una politica che sempre più viene ignorata dalla cittadinanza. Vogliamo riportare alle urne quell’oltre 30% di cittadini che non hanno votato alle ultime elezioni amministrative comunali, rispetto al quasi 90% che in precedenza si recava alle urne. Al momento oltre alle adesioni a sostegno del comitato elettorale, abbiano quella di un candidato a sindaco e di quattro candidati a consigliere comunale".