‘Pirazzini’ ripristinata dopo l’alluvione "La scuola riaprirà regolarmente"

La primaria faentina è pronta ad accogliere i bambini. Problemi solo per palestra e laboratori didattici. L’assessore Martina Laghi: "Accordo con la piscina comunale per l’educazione motoria".

‘Pirazzini’ ripristinata dopo l’alluvione  "La scuola riaprirà regolarmente"

‘Pirazzini’ ripristinata dopo l’alluvione "La scuola riaprirà regolarmente".

Palestra e laboratori restano inutilizzabili, ma il 15 settembre non ci saranno problemi per il ritorno in classe dei bambini che frequentano la scuola elementare ‘Pirazzini’. L’istituto di via Marini a Faenza è stato uno dei più colpiti dall’alluvione del 16 maggio scorso, e per questo motivo era stato oggetto di donazioni particolari, come quella da 300mila euro che la Fondazione Tim aveva erogato alla municipalità. Anche grazie a queste risorse, nel corso dell’estate l’Amministrazione comunale faentina aveva approntato urgentemente i lavori di ripristino dei locali scolastici, così come la dirigente dell’istituto ‘Matteucci’, Nicoletta Paterni, aveva programmato le opere di riqualificazione del giardino interno attraverso l’utilizzo delle risorse ministeriali. "I lavori al giardino sono quasi terminati e si sta completando in questi giorni la posa del prato sintetico – evidenzia l’assessore all’Istruzione del Comune di Faenza, Martina Laghi, in merito ai sopralluoghi che i tecnici della Romagna Faentina hanno svolto nelle scorse settimane –. La cucina e la mensa sono agibili. In particolare, la cucina non è andata tutta distrutta, i fornelli per esempio si sono salvati. Abbiamo riacquistato frigoriferi e congelatori. Quella parte, quindi, sarà utilizzabile dall’inizio dell’anno scolastico e questo è già un passo avanti, considerato che la ‘Pirazzini’ conta parecchie sezioni che svolgono il tempo pieno".

Differente è la questione per la palestra e per i laboratori, decisamente compromessi dagli allagamenti: "I muri di quegli spazi si devono ancora asciugare e il massetto è ancora bagnato. Magazzino, palestra e laboratorio di ceramica sono le zone più critiche". Considerati gli eventi perciò "possiamo dire che l’attività didattica ordinaria non avrà limitazioni per nessuno. I lavori di ripristino proseguiranno anche durante l’inverno, e i due cantieri (perché partirà anche il progetto di adeguamento sismico di un’ala della struttura finanziato con risorse Pnrr, ndr) andranno avanti, senza però interferire con l’attività didattica". Per quanto concerne il ripristino degli spazi della ‘Pirazzini’ "puntiamo a concludere i lavori entro la fine dell’anno scolastico, quelli più urgenti entro l’inverno come per esempio quelli che interesseranno l’impianto di riscaldamento". Nel frattempo per gli alunni "la dirigente ha trovato un accordo con la piscina comunale: saranno così sfruttate le ore di educazione motoria in piscina anziché in palestra. Per i laboratori invece, bisognerà rinunciarvi al momento, ma ci si adatterà".

d.v.