Polo tecnico, aumentano i costi

A breve l’avvio dei lavori per l’ampliamento, ma l’importo è lievitato da 1,4 a 2,3 milioni di euro

Polo tecnico, aumentano i costi

Polo tecnico, aumentano i costi

L’avvio del nuovo cantiere che porterà ad un ulteriore ampliamento del polo tecnico di Lugo sito in via Lumagni è previsto fra pochi giorni, all’inizio di dicembre. Nel frattempo, per effetto dell’aumento generale dei prezzi, l’importo complessivo del progetto che ha già portato alla conclusione di due cantieri, è lievitato da 1.440.000 a 2.305.378 euro. Il terzo e ultimo lotto è finalizzato a trasferire le officine, quindi i laboratori utilizzati attualmente dagli studenti e dalle studentesse dell’Ipsia Manfredi nella sede di via Brunelli, all’interno del polo di via Lumagni che andrà così ad ospitare la ragioneria, l’Ipsia e l’Iti.

"Attualmente le officine a servizio dell’Ipsia sono collocate all’interno di una struttura un tempo collegata all’azienda sanitaria – spiega l’assessora provinciale all’edilizia scolastica, Maria Luisa Martinez.

"L’obiettivo del terzo e ultimo intervento di ampliamento previsto per il polo tecnico, porterà le officine all’interno della stessa struttura dove sono già state realizzate nuove aule e dove non ci sarà una separazione netta fra queste e ilaboratori. La distribuzione degli spazi sarà decisa dalla dirigenza scolastica in ragione della funzionalità scolastica". Gli interventi avviati dalla Provincia con i fondi messi a disposizione dal PNRR interessano anche l’Istituto professionale Stoppa di via Baracca, parte anch’esso del polo tecnico. In questo caso, si tratta di lavori legati alla messa in sicurezza dell’edificio in relazione all’inserimento della zona di Lugo in area sismica di livello 2 a partire dal 2012.

"L’obiettivo complessivo, una volta terminato anche l’intervento sullo Stoppa – sottolinea Martinez – è di trasferire completamente l’Ipsia, le cui aule sono ancora collocate in via Tellarini, all’interno del polo di via Lumagni liberando così il palazzo di proprietà comunale. Ovviamente il nuovo intervento di ampliamento terrà conto della componente green con l’inserimento di pannelli fotovoltaici e di tutte gli accorgimento del caso".

In quanto ai tempi di consegna, si prevede di concludere l’ampliamento entro il 2025. "I tempi previsti per l’utilizzo dei fondi PNRR sono fissati ai primi del 2026. L’ideale – conclude Martinez – sarebbe di farli terminare prima in modo che l’avvio dell’anno scolastico 2025 possa coincidere con la possibilità per gli studenti dell’Ipsia di trasferirsi nelle nuove aule e laboratori".