Ponte delle Grazie, via al cantiere. E si studia la nuova viabilità

Partiti i lavori per rinforzare le travi al di sotto della struttura per riaprirla al traffico prima del rifacimento

Ponte delle Grazie, via al cantiere. E si studia la nuova viabilità

L’impalcatura realizzata sul ponte delle Grazie per rinforzare le travi al di sotto della struttura, danneggiate dell’alluvione lo scorso maggio

Nei giorni scorsi è partito il cantiere per l’intervento straordinario di ripristino della viabilità lungo il ponte delle Grazie, chiuso da maggio, quando durante l’alluvione il Lamone ha quasi interamente sommerso l’impalcato. La struttura era già sofferente, malgrado l’intervento del 2017. La chiusura, come noto, ha comportato un appesantimento della viabilità, soprattutto sul ponte della Memoria, con gravi congestioni del traffico. In attesa della realizzazione del ponte bailey da parte della ditta Janson Bridging, l’amministrazione ha deciso comunque, in attesa della realizzazione del nuovo impalcato per il Ponte delle Grazie finanziato con 4,5 milioni di euro attraverso una ordinanza della Struttura commissariale, di effettuare un intervento straordinario per riaprirlo in un unico senso di marcia. Questo, assieme all’apertura del ponte Bailey, consentirà di alleggerire il traffico in attesa dei lavori per il nuovo Ponte delle Grazie, i cui tempi sono fisiologicamente lunghi. L’intervento urgente, finanziato anch’esso dalla Struttura commissariale, costa 200mila euro. Nei giorni scorsi è stato allestito il ponteggio sospeso sotto l’impalcato per consentire agli operai della ditta incaricata di effettuare il ripristino delle travi: si eseguirà un intervento di rinforzo delle travi ‘tampone’ con l’inserimento di nuove staffe in acciaio per cemento armato, oltre al ripristino della sezione resistente. L’idea è aprire al traffico sia il ponte Bailey che quello delle Grazie quasi in simultanea.

Ieri intanto piazza Lanzoni è stata chiusa al traffico delle auto: lì infatti la ditta ‘Jansen Bridge’ realizzerà degli appoggi in cemento armato per la posa del ponte Bailey. La scorsa settimana sono intanto state effettuate le prove di stabilità dei pali in cemento armato realizzati fino alla profondità di 12 metri lato Borgo, mentre ieri le stesse prove sono state effettuate sui pali lato centro. Dalla prossima settimana partiranno i lavori per la realizzazione di una rotatoria tra via Lapi e via Renaccio. L’iter per la posa del ponte Bailey prosegue così a passi spediti. Dopo la realizzazione dei plinti di appoggio si partirà con il clou dell’intervento: la realizzazione del ponte, dal Borgo verso via Renaccio per una campata di quasi 80 metri. L’amministrazione, intanto, ha dato il via a una serie di incontri con i residenti per illustrare le modifiche. Uno dei punti più delicati riguarderà la viabilità dopo l’apertura al traffico dei due ponti: se quanto anticipato sarà confermato, il traffico dal centro verso il Borgo verrà deviato verso via Renaccio. Alla nuova rotatoria, all’incrocio tra via Lapi e via Renaccio, i veicoli dovranno tornare verso il Ponte delle Grazie per poi impegnare la rampa di raccordo che li porterà sul Ponte Bailey. Una volta nell’altro lato del fiume, la rampa di discesa volterà in via Ugo Piazza, direzione rotatoria via Cimatti.

s.s.