Verso una stagione balneare con tante incognite

L'estate a Ravenna porta incognite sul rinnovo delle concessioni balneari, ma anche miglioramenti come il servizio di salvataggio esteso e la trasformazione dei lidi grazie al Parco Marittimo. Il futuro è incerto, ma i balneari sono pronti ad adattarsi.

Continua dalla prima pagina

...tuttavia l’estate davanti a noi presenta diversi cambiamenti e non poche incognite per la riviera ravennate. Su tutte l’ormai annosa questione del rinnovo delle concessioni balneari, che si sta trascinando da troppo tempo e che ormai deve raggiungere una soluzione, in primis per dare finalmente certezze alle migliaia di bagnini che negli anni hanno costruito e investito sulle nostre spiagge, svolgendo attività non solo economiche ma anche di pulizia e manutenzione dell’arenile, e che adesso si trovano nell’impossibilità di fare qualsivoglia progetto a lungo termine.

Chiediamo ormai da troppo tempo a gran voce un qualche tipo di intervento legislativo da parte del governo, ricevendo in risposta solo promesse. Il tempo sta scadendo, e il futuro della balneazione attrezzata italiana è appeso ad un filo. Un cambiamento importante che i nostri clienti sicuramente apprezzeranno è invece l’estensione del servizio di salvamento anche durante l’orario di pranzo. Il servizio di salvamento organizzato dalla Cooperativa Spiagge Ravenna è sempre stato apprezzato dai nostri clienti, e la copertura, seppur a torrette alternate, anche del periodo dalle 13 alle 14.30, rappresenta un ulteriore miglioramento della sicurezza sulle nostre spiagge. I nostri lidi, inoltre, stanno gradualmente cambiando faccia. L’avvicinarsi del completamento del Parco Marittimo a Marina di Ravenna e Punta Marina Terme, e l’inizio dei lavori per le ulteriori sezioni, porteranno ad un nuovo tipo di fruizione del retro dei nostri stabilimenti e delle nostre dune. Finalmente si inizia a intravedere la sistemazione definitiva di queste aree, e se il Comune saprà integrare questo importante lavoro con un adeguamento dei trasporti pubblici e dei parcheggi scambiatori, che renda più facile per tutti i ravennati apprezzare questa passeggiata fra le dune, anche le nostre attività potranno trarne vantaggio. Tanti cambiamenti e diverse incognite insomma, ma sicuramente noi balneari sapremo sfruttare al meglio ogni nuova situazione.

Giacomo Rossi

Presidente del Sindacato Stabilimenti Balneari Confcommercio Ravenna