Aggressione choc, accompagna donna in casa per un caffè: suo marito lo accoltella

Vittima un muratore che lavorava per lei, la coppia si sta separando. L’uomo è stato colpito tre volte al torace. Denunciato il 27enne: dovrà rispondere di lesioni aggravate

Reggio Emilia, 6 dicembre 2023 – Aveva effettuato lavori edili in un esercizio commerciale, su richiesta della titolare. Alla fine della prestazione, l’artigiano cinquantenne, di origine calabrese, è stato invitato a bere un caffè nell’abitazione della donna, dove vive pure il marito, dal quale è in corso una separazione.

In corso le indagini dei militari dell’Arma
In corso le indagini dei militari dell’Arma

Proprio una presunta tensione nei rapporti di coppia avrebbe consigliato alla donna di farsi accompagnare in casa dall’artigiano, anche in virtù di minacce che le sarebbero state rivolte dal convivente.

Con la presenza dell’artigiano, la donna forse si sentiva più sicura. Ma il fatto che ci fosse l’ospite dentro l’abitazione deve avere infastidito il giovane padrone di casa, di 27 anni, il quale avrebbe aggredito l’artigiano, che è stato ferito con un coltello. E solo per puro caso si è evitato il dramma. Il fatto è accaduto a metà novembre. Sull’episodio hanno indagato i carabinieri di Castelnovo Sotto, arrivando così alla denuncia del 27enne per lesioni personali aggravate.

A quanto risulta, non sembrano emergere motivi particolari alla base dello scatto d’ira del giovane, se non il "fastidio" che avrebbe provocato la presenza dell’ospite, invitato in casa dalla moglie. Il 27enne si è rivolto all’uomo in casa prima minacciando di ucciderlo, per poi colpirlo con un coltello, puntando al torace e al fianco, con parte dei fendenti che fortunatamente sono stati schivati dalla vittima.

L’artigiano, anche grazie all’intervento della donna, è poi riuscito ad allontanarsi, evitando ulteriori aggressioni. Ancora spaventato e sanguinante a causa delle ferite, si è poi recato al pronto soccorso dell’ospedale di Guastalla per le medicazioni al torace, al polso destro e all’avambraccio sinistro, raggiunti dalla lama del coltello. È stato giudicato guaribile in un paio di settimane.

Successivamente si è diretto alla caserma dei carabinieri per sporgere una querela, facendo avviare le indagini su quanto accaduto. Gli accertamenti hanno portato alla denuncia del 27enne, che dovrà rispondere di lesioni aggravate.

Sono ancora in corso le indagini dei militari dell’Arma, soprattutto con la raccolta delle dichiarazioni delle persone presenti al momento dell’aggressione, che ha davvero rischiato di trasformarsi in una tragedia.

Occorre ricostruire l’esatta dinamica della vicenda, soprattutto per dare una spiegazione allo scatto d’ira del giovane ora indagato: cosa lo ha spinto ad armarsi di un coltello per poi puntare a un uomo invitato in casa dalla moglie per bere un caffè? C’erano stati degli screzi precedenti tra i due uomini? È stata detta qualche parola fraintesa che ha originato la violenza? Tutti elementi su cui occorre fare piena chiarezza di fronte a una vicenda che, nonostante il non grave esito sanitario dell’aggressione, non può certamente essere sottovalutata.