Botte per un resto dato in monete: titolare del negozio presa a pugni

Reggio Emilia, denunciata una 26enne che ha danneggiato anche i locali di ‘Audrey Cosmetiques’. L’esercente Zemon Dolo: ""Ho avuto paura, ma vado avanti. Lavorare in zona stazione è diventato un inferno, c’è troppa delinquenza".

La titolare del negozio presa a pugni da una cliente

La titolare del negozio presa a pugni da una cliente

Reggio Emilia, 1 settembre 2023 – Ha sferrato un pugno in faccia alla titolare perché non aveva gradito il resto di cinque euro in moneta. Una furiosa aggressione sedata solo grazie all’intervento provvidenziale delle Volanti della questura che hanno scongiurato il peggio e denunciato una 26enne nigeriana per lesioni personali e danneggiamento ai locali. È successo martedì scorso nella boutique ‘Audrey Cosmetiques’, sotto i portici di viale IV Novembre, in zona stazione.

A raccontare l’accaduto è la stessa vittima, la 55enne Zemon Dolo, di origine ivoriana, che da sei anni ha aperto il negozio e da oltre trent’anni è in Italia (si è trasferita a Reggio, da Vicenza).

"Era circa mezzogiorno quando è entrata questa ragazza, una cliente mai vista prima, che voleva comprare una crema – spiega – Prima ne ha presa una che ha poi scoperto costare 20 euro una volta arrivata alla cassa, quando avevo già battuto lo scontrino. Mi ha detto che era troppo costosa e quindi ha chiesto di prenderne un’altra da 15 euro. Con gentilezza le ho chiesto di aspettare che facessi lo storno del pagamento, ma già qui si era mostrata un po’ impaziente e aggressiva. Dopodiché, ha preso la nuova crema e mi ha pagato con una banconota da 50 euro. Le ho dato il resto di 35 con una banconota da 20, una da 10 e poi cinque euro in monete perché non ne avevo. A quel punto si è arrabbiata...".

Da qui è scattata la furia della giovane. "Ha cominciato a urlare – continua – poi purtroppo non parlava in italiano e forse non mi ha capita... Così, ha chiuso la porta e ha spaccato la porta di vetro col piede. Mi sono anche ferita ad una caviglia... Poi ha cominciato a picchiarmi, mi ha tirato un pugno in faccia, facendomi male al naso. Poi con un vetro rotto voleva tagliarmi, ma io sono scappata e mi sono rifugiata dalla negoziante vicina mia amica".

Infine l’allarme al 113: gli agenti hanno acquisito anche le immagini delle telecamere. La donna poi è andata a farsi medicare all’ospedale, ma ieri è già tornata al lavoro. "Ho avuto tanta paura, è la prima volta che mi capita una cosa simile anche perché coi miei clienti ho un ottimo rapporto e tutti mi vogliono bene". Anche se in zona, non è tutto rosa e fiori. "Se potessi tornare indietro, non aprirei un negozio qui. C’è tanto degrado e delinquenza, qui sotto è sempre pieno di drogati. Ho sbagliato... Se trovassi un altro locale in una zona migliore, mi trasferirei subito. Ho vissuto tanti anni a Vicenza, ma forse ho sbagliato a venire qui a Reggio. In Veneto ci sono meno delinquenti...".