Reggio Emilia, scuote la coperta: vicina e figlio irrompono in casa e l’aggrediscono

Una donna di 57 anni finisce all’ospedale con qualche livido. I due aggressori, di 69 e 46 anni, sono stati denunciati con le accuse di lesioni personali e violazione di domicilio

Il caldo acuisce l’insofferenza delle persone: aumentano gli interventi dei carabinieri

Il caldo acuisce l’insofferenza delle persone: aumentano gli interventi dei carabinieri

Reggio Emilia, 15 agosto 2023 – Una coperta scossa dalla finestra. Ci sarebbero futili motivi alla base di una presunta aggressione a una donna di 57 anni ad opera di madre e figlio, rispettivamente di 69 e 46 anni, residenti a Reggio.

Approfondisci:

Lite con morsi e scalpello tra vicini di casa a Castelnovo Sotto (Reggio Emilia)

Lite con morsi e scalpello tra vicini di casa a Castelnovo Sotto (Reggio Emilia)

Pare che gli indagati non riuscissero a sopportare la vicina di casa che scuoteva le coperte dalla finestra della camera da letto, con qualche piccolo residuo che inevitabilmente sarebbe caduto ai piani sottostanti, in un’area comune del condominio.

Come "dispetto", la 69enne è salita al terzo piano, al suo alloggio, ripetendo la stessa operazione, facendo cadere degli scarti dalla finestra, proprio verso il balcone della vicina di casa. Di fronte al "dispetto", la 57enne deve aver reagito verbalmente. Ne è nato un acceso diverbio tra le due donne, limitato a uno scambio verbale.

Ma poco più tardi, quando è rientrato a casa il figlio 46enne, la situazione si è nuovamente surriscaldata, con l’uomo entrato senza permesso nell’appartamento della vicina, aggredita con pugni alla testa.

E’ arrivata anche la madre, la quale avrebbe partecipato attivamente all’aggressione, proprio mentre la padrona di casa cercava di fare uscire il 46enne dal suo alloggio.

Solo grazie alle urla del fratello della vittima, che era pure lui in casa, madre e figlio hanno interrotto la loro azione violenza.

La 57enne è stata poi medicata in ospedale per contusioni guaribili in pochi giorni. Ed è arrivata la querela in caserma, con i carabinieri che hanno denunciato madre e figlio per lesioni personali e violazione di domicilio.