Capodanno con il pienone: "L’influenza non guasta le feste"

VisitRimini fiduciosa: "Continuano ad arrivare tante richieste, tutto esaurito in 500 alberghi". Confesercenti: "Prevediamo una spinta positiva per commercio e pubblici esercizi" .

Capodanno con il pienone: "L’influenza non guasta le feste"
Capodanno con il pienone: "L’influenza non guasta le feste"

"Sarà un Capodanno migliore rispetto a quanto accadeva prima della pandemia". Per Visit Rimini l’ottimismo vola nonostante continuino ad arrivare ai centralini degli alberghi e nelle caselle di posta elettronica, le disdette da parte di chi sta facendo i conti con l’influenza e il Covid. Ma a fronte delle cancellazioni "continuano ad arrivare tante richieste" commentano da Visit Rimini. Il last minute a volte il last second garantiranno, assicurano da Visit Rimini, il sold out in circa 500 hotel nella sola Rimini. Il pienone riguarderà però solo la notte di San Silvestro. Nei giorni che la precedono o la seguono il riempimento delle strutture scenderà. "Il 90% dei turisti arriva dall’Italia e la cosa interessante è che solo il 10% soggiorna una sola notte. Il 70% delle prenotazioni, infatti, viaggia dalle 2 alle 3 notti e il 20% sceglie di fermarsi dai 4 giorni in su". Analizzando le caratteristiche dei visitatori, quest’ano si assiste a una novità. "Accanto ai target consolidati delle famiglie con bambini che abbinano il soggiorno ai parchi tematici e delle coppie giovani che cercano un weekend romantico, si sta affermando la ‘coppia senior’, interessata all’arte, che sceglie Rimini come città da visitare per un’esperienza culturale, grazie ai suoi musei e alle occasioni di visite che sa offrire. Un target generalmente con alta capacità di spesa, che tende a fare diversi brevi soggiorni spalmati in un anno e che con il passaparola allarga la platea degli ospiti potenzialmente interessati".

A fregarsi le mani non sono solo gli albergatori. Facendo una ricognizione sulla piattaforma Airbnb, gli appartamenti per Capodanno vanno a ruba, e la singola notte costa cara. Difficile trovare offerte al di sotto dei 280 euro, con picchi che superano i 400. Ma anche i prezzi negli hotel hanno tenuto. "I dati degli alberghi – continua Visit Rimini - sono con un trend di crescita del 10% rispetto al capodanno del 2022, meglio anche del periodo pre Covid, il fermento c’è e si vede e i telefoni continueranno a squillare fino a domani. Anche i prezzi delle camere registrano un +10% in più rispetto allo scorso anno. Molto interessante si annuncia il weekend della Befana, con tante prenotazioni dal 5 al 7 gennaio e molta richiesta anche grazie ai tornei di basket e pallavolo. Sicuramente il trend è di crescita rispetto allo scorso anno, con presenze che andranno ad aumentare da qui alla Befana".

Le camere piene portano ottimismo ance tra i commercianti. "Ci aspettiamo un finale d’anno con il pienone per il nostro turismo e una spinta positiva per commercio e pubblici esercizi - dice Fabrizio Vagnini presidente di Confesercenti -. Secondo le previsioni di Assoturismo Confesercenti, sulla base dell’analisi della disponibilità ricettiva sulle piattaforme online, in questo weekend l’89% delle stanze disponibili sono già riservate. Le previsioni positive per l’ultimo weekend del 2023 si estendono anche ai primi giorni del 2024: tra Capodanno e l’Epifania, infatti, l’intero sistema ricettivo italiano dovrebbe registrare 12 milioni di presenze complessive".

Andrea Oliva