Colmar va pazza per Bellaria: successo in fiera. Turisti presi per la gola, serviti oltre mille pasti

Colmar va pazza per Bellaria: successo in fiera. Turisti presi per la gola, serviti oltre mille pasti
Colmar va pazza per Bellaria: successo in fiera. Turisti presi per la gola, serviti oltre mille pasti

La Romagna, grazie a Bellaria Igea Marina e Fondazione Verdeblu, si è promossa a Colmar, in una delle fiere del turismo più importanti d’Europa, in collaborazione con Visit Romagna. Lo scorso fine settimana la città bellariese con una delegazione di tecnici, artisti, hostess, chef e operatori turistici anche di Santarcangelo, Gatteo, Ferrara e Comacchio, è stata protagonista al Salone internazionale del turismo e viaggi di Colmar 2023. Il padiglione espositivo era tra i più grandi: 500 metri quadrati dove i visitatori hanno potuto incontrare gli operatori turistici e assaporare la tradizione romagnola, con pizza, piadina e gelato, colazioni e aperitivi. Per entrare ancora meglio nello spirito romagnolo, si è organizzato anche spettacoli musicali col gruppo folk "Scariolanti", i balli tradizionali della "Rimini Dance Company" e Chiara Bartoletti Stella. Eletta anche Miss Mamma a Colmar: Kelly Di Marco, proveniente da Rothau, dal Grand Est.

"Con questa fiera – dice il sindaco Filippo Giorgetti –, anno dopo anno, consolidiamo un rapporto molto forte con l’Alsazia. Il nostro stand è stato il più visitato. Il merito va a Fondazione Verdeblu e ai singoli operatori, che creano relazioni e rapporti vincenti con i turisti. A questo si aggiunge l’ottima proposta culinaria che fa la differenza, grazie allo chef Marco Rossi". Il ristorante ha servito oltre 1000 pasti, 95 chili di pesce fritto e 500 piatti di lasagne, 40 chili di gelato e 25 di pizza al taglio.

"Organizzare una fiera all’estero di queste dimensioni – spiega il presidente di Fondazione Verdeblu, Paolo Borghesi – necessita di grande professionalità, uno staff professionale e operatori preparati. Tutto questo è la chiave vincente per penetrare il mercato turistico francese. Con la nostra direttrice, Angela Bernardi, e il direttore della fiera, Christophe Crupi, abbiamo già posto le basi per il progetto 2024".

Rita Celli