I soldi arrivano ma le luminarie non si vedono

La giunta stanzia altri 200mila euro per gli addobbi. Intanto Geat finisce nel mirino a causa dei ritardi.

I soldi arrivano ma le luminarie non si vedono
I soldi arrivano ma le luminarie non si vedono

Raddoppiano i soldi per gli allestimenti natalizi, ma in città non si vede ancora una luce. La settimana scorsa la sindaca Daniela Angelini aveva assicurato associazioni di categoria e comitati cittadini dicendo che la giunta, rientrata in municipio da poco, avrebbe fatto il possibile per integrare lo stanziamento di fondi per il Natale. Premesso che ad oggi non è dato sapere quale sia il progetto natalizio, tolta la certezza della pista di pattinaggio annunciata dalla società che la realizzerà, ieri la giunta ha deciso di stanziare un aumento delle risorse da destinate a Geat per illuminare la città. Il budget passa dai 200mila euro destinati dalla commissaria prefettizia, a 400mila. Si tratta di ulteriori risorse date solo per coprire i costi degli allestimenti, e non per eventi e spettacoli di intrattenimento. Con 400mila euro Geat dovrà consentire l’allestimento della pista del ghiaccio e di una giostra in stile natalizio in piazzale Roma; realizzare l’albero di Natale sul ponte di viale Dante alto almeno 20 metri; illuminare nove alberi nei quartieri della città; illuminare con luminarie "varie" viale Ceccarini sopra la ferrovia, e i viali Dante, Verdi, Emilia, Diaz, Fratelli Cervi, Gramsci, San Martino e viale Virgilio. Andrà realizzato anche il Giardino sul mare sempre in piazzale Roma, la casetta di Babbo Natale, il presepe al porto e illuminare le rotatorie sull’asse via Berlinguer-Einaudi. Infine c’è una ulteriore richiesta fatta dalla giunta: realizzare una illuminazione complementare in viale Ceccarini a mare della ferrovia. Stanziati i denari, l’onere degli allestimenti spetta a Geat.

Tuttavia c’è un aspetto su cui la giunta è pronta a prendersi la responsabilità con la società, ed è riassunto in questo passaggio della pratica approvata da sindaca e assessori: "Il comune di Riccione e Geat si assumono congiuntamente il rischio di mancata realizzazione degli allestimenti concordati per cause di forza maggiore". All’accensione delle luminarie mancano appena dieci giorni. Sarà un’accensione in contemporanea in tutte le località della costa. A Misano le luminarie sono già montate. Nel centro storico di Rimini manca solo di spingere il pulsante. A Riccione, invece, ad oggi non ci vedono luminarie, e i commercianti di viale Ceccarini assicurano che non sono state fatte prove su come installarle. Il Consorzio ieri si è riunito per fare il punto. "Dovremo fare i salti mortali, ma proveremo ad allestire noi il villaggio con le casette. Chi è interessato scriva a segreteria@vialececcarini.it", dice Maurizio Metto. Il Comune non è nei tempi per un bando. "Faremo il possibile – riprende Metto -. Ma dobbiamo anche dire che 40 giorni fa avevamo dato la nostra disponibilità ad allestire le casette senza avere una risposta".

Andrea Oliva