"La lite Linus-Cecchetto non influirà sulle scelte dell’amministrazione"

Riccione, si torna a parlare del futuro di Deejay on stage. La sindaca: "Andiamo avanti con la nostra programmazione"

"La lite Linus-Cecchetto non influirà sulle scelte dell’amministrazione"
"La lite Linus-Cecchetto non influirà sulle scelte dell’amministrazione"

Dopo l’attacco di Linus a Claudio Cecchetto in diretta su Radio Deejay, sono in tanti, soprattutto sui social, a supporre che lo scontro inciderà sulla programmazione riccionese, in particolare il Deejay on stage. Ma la sindaca Daniela Angelini dà un taglio a tutte le illazioni e, a scanso di ogni polemica avverte: "Sono sempre stata chiara. Al di là della scelta fatta da Cecchetto di uscire dal consiglio comunale e di averlo riconosciuto, diciamo come ambasciatore della città, non ho mai messo in dubbio il fatto di proseguire con la nostra programmazione, con quello che vogliamo fare. La disputa tra loro due rimane al loro interno, non mi riguarda, ci mancherebbe altro. Quanto è accaduto non deve entrare nelle scelte politiche che farò, perché esulano dai rapporti tra i due. Le mie scelte politiche amministrative non si faranno condizionare". Anche se della programmazione, in particolare delle serate del contest di Radio Deejay, il Comune non ha ancora parlato, anche perché prima dovrà concentrarsi sugli eventi primaverili, tutto lascia intendere che le porte restano aperte.

A dare fuoco alle polveri i giorni scorsi era stato Linus che in diretta ha criticato il docufilm in onda in prima serata su Rauno ‘People from Cecchetto’ con la partecipazione di Jovanotti, Fiorello, Amadeus e altre star scoperte dal talent scout, definendolo "poco interessante". Una critica appesantita dal nomignolo ("fesso") con il quale poi Linus ha ironicamente apostrofato Cecchetto che, nonostante fosse stato offeso, non ha alimentato la polemica. A difenderlo in guanti bianchi, ma con parole fortemente incisive, è stato il figlio Jody. A Riccione, Linus ha casa, ha trovato moglie ed è convolato a nozze, con Radio Deejay opera da oltre trent’anni, scaldando l’estate riccionese e non solo. Ma non sono mancati i momenti di tensione, anche quando i consiglieri tuttora in opposizione l’hanno attaccato, per poi confermarlo negli anni in cui hanno governato. In generale, al centro del confronto c’è sempre stato il costo degli eventi, di fatto organizzati da San Marino Performance. Riportati nelle varie delibere, ieri sono stati ripubblicati sui social dall’ex consigliere comunale del M5S Vincenzo Cicchetti. "Dal 2015, anno in cui il Comune ha speso 85.400 euro, si è passati ai 310.800 per l’estate del 2021. In questo lasso di tempo, compreso tre edizioni invernatl, la cifra complessiva è stata di 1.843.449 euro".

Nives Concolino