La Terra presa a morsi nel murales del bambino

Un bambino che mangia la Terra: un'opera d'arte che inaugura l'ultima fase di "D(i)ritti a tavola", un progetto che culminerà con una degustazione e uno spettacolo teatrale. Il 17 dicembre la festa finale al centro parrocchiale di San Bartolo.

La Terra presa a morsi  nel murales del bambino
La Terra presa a morsi nel murales del bambino

Un muro grigio che si anima e trasmette messaggi come quello del diritto al cibo. E’ la nuova opera d’arte di Marcello Di Camillo, murales realizzato per il progetto "D(i)ritti a tavola", che ha preso forma lungo la via Emilia. Ritrae un bambino che mangia la Terra: un pianeta troppo piccolo e povero per la specie umana. "Se consideriamo il mondo come un oggetto a nostra disposizione, da divorare in un morso – dice l’artista_ invece che un bene prezioso da preservare, allora il mondo non basterà a sfamare nemmeno una persona". L’opera inaugura l’ultima fase del progetto che proseguirà domenica 3 dicembre alle 18 con una degustazione seguita dallo spettacolo teatrale Playback Theatre" al centro sociale Franchini. Il 17 dicembre al centro parrocchiale di San Bartolo la festa finale.