Rbr, fari puntati sulla fase a orologio. Intrecci pericolosi con Agrigento

I siciliani, ultima squadra di Grande, domenica arriveranno al Flaminio con il grande ex Meluzzi

Rbr, fari puntati sulla fase a orologio. Intrecci pericolosi con Agrigento
Rbr, fari puntati sulla fase a orologio. Intrecci pericolosi con Agrigento

Batman, Jazz e tanto altro. Il calendario della fase a orologio è stato prodotto e per Riviera Banca sarà subito un tuffo nei ricordi più recenti. La Moncada Agrigento che arriverà al Flaminio domenica, infatti, ha tra le sue fila un certo Davide Meluzzi, che è "Batman" per tutti fin dalla lunga militanza nelle giovanili biancorosse. Gli stessi siciliani sono l’ultima squadra di Alessandro Grande, quella con cui il play-guardia di Rbr è arrivato al top di punti segnati da un italiano nella stagione 2022-2023 (18.4 di media).

Intrecci di sicuro interesse, ma quello a cui sono interessati coach Dell’Agnello e il suo staff sono soprattutto i punti. Quelli guadagnati con una certa frequenza nell’ultimo mese. Rimini è reduce da cinque vittorie nelle ultime sei partite, utili per raggiungere anche Piacenza a quota 18 e per affrontare questa fase di campionato con prospettive di battaglia. È probabile che per centrare i playoff possano servire 30 punti, con Riviera Banca che dunque li dovrà andare a cercare anche fuori dalle mura amiche del Flaminio.

Ad esempio per la seconda giornata (18 febbraio) a Rieti, tana dell’indimenticabile Jazz Johnson che ha furoreggiato in canotta biancorossa nella scorsa stagione. Le giornate dispari vedranno le squadre del girone rosso in casa, quelle pari il contrario.

Per il terzo turno, il 25 febbraio in casa, Rbr ospiterà l’ennesimo ex, "Bobby" Mladenov, che con la sua Latina, ultima nel verde, cerca punti salvezza. Poi, il 3 marzo, trasferta nella tana di una nobile decaduta come Cantù, anche adesso tra le principali pretendenti al salto di categoria. Di seguito Rimini ospiterà Vigevano (10/3) e farà visita a Cremona (24/3) dopo la pausa per la Coppa Italia Lnp.

Il 31 marzo partita casalinga con Monferrato, poi altra trasferta insidiosa, questa volta a Torino (7/4). L’orologio si chiuderà col match interno con la Luiss Roma (14/4) e con la gara di Milano con l’Urania (21/4). In occasione del turno pasquale (31 marzo), è lasciata ai club ospitanti la facoltà di definire la data della gara in calendario.

Per le cinque partite del Flaminio rimangono validi gli abbonamenti sottoscritti dai tifosi. I turni sono chiari ma alcuni spostamenti, dovuti a esigenze televisive o indisponibilità delle palestre, potrebbero essere accordati dalla Lega nei prossimi giorni.

Dieci partite che divideranno finalmente il campionato in chi parteciperà ai playoff (le prime otto di ogni girone), chi retrocederà direttamente (le due ultime) e chi verrà gettato nel fuoco dei pericolosissimi playout (quattro squadre su sei in B Nazionale). Sarà corrida vera.

Loriano Zannoni