Rifiuti, incastrati 162 furbetti

Nel 2023, le fototrappole di Rimini hanno registrato 162 violazioni per l'abbandono dei rifiuti fuori dai cassonetti. Le infrazioni sono diminuite rispetto all'anno precedente, ma sono ancora presenti. Le sanzioni ammontano a 104 euro.

Rifiuti, incastrati 162 furbetti
Rifiuti, incastrati 162 furbetti

In un anno ‘beccate’ dalle fototrappole ben 162 violazioni a Rimini di chi, per lo più, abbandona il sacco dei rifiuti fuori dal cassonetto. È il bilancio del 2023 scattato dalle fototrappole di videosorveglianza posizionate vicino ai contenitori della raccolta differenziata, con lo scopo di individuare chi non rispetta le regole per il corretto conferimento dei rifiuti. Dall’entrata in funzione del servizio, nel 2021, sono in tutto 536 i verbali registrati: precisamente 145 nel 2021, 222 nel 2022, 162 nel 2023 e sette fino ad ora nel 2024. Si rileva quindi, tra il 2022 e il 2023, un calo di 60 violazioni in meno registrate in un anno. In particolare, il sistema di videosorveglianza è attivo a rotazione e, nel corso del 2023, sono state monitorare oltre una trentina di postazioni, ritenute maggiormente critiche e individuate sulla base delle verifiche condotte dall’ufficio ambiente del Comune, su segnalazione dei cittadini, di Hera gestore del servizio di raccolta e delle Guardie Ecologiche Volontarie. Secondo i dati rilevati da Hera, nel 2023 sono tre le postazioni in cui sono state accertate il numero più elevato di infrazioni: ben 92 in via Francesco Frioli, 21 violazioni invece in viale Carlo Matteucci e infine 19 in via dei Partigiani. Chi compie le violazioni sono in genere residenti, gente di passaggio e attività commerciali. Primeggia tra le tipologie di irregolarità riscontrate l’abbandono dei rifiuti fuori dai contenitori, mentre parte delle infrazioni riguarda il conferimento non corretto. In entrambi i casi la sanzione è pari a 104 euro.