Sicurezza in viale Ceccarini : "Quanti Fratelli ci sono in città?"

Il consigliere di Riccione 2030 si interroga sulle posizioni divergenti tra esponenti di Fratelli d’Italia riguardo alla sicurezza a Viale Ceccarini, suggerendo un confronto diretto con il ministro competente.

Sicurezza in viale Ceccarini : "Quanti Fratelli ci sono in città?"

Il consigliere di Riccione 2030 si interroga sulle posizioni divergenti tra esponenti di Fratelli d’Italia riguardo alla sicurezza a Viale Ceccarini, suggerendo un confronto diretto con il ministro competente.

"Ma quanti Fratelli d’Italia ci sono a Riccione?". Se lo chiede il consigliere di Riccione 2030 Marco De Pascale dopo che l’onorevole Beatriz Colombo di Fratelli d’Italia ha sostenuto che "chiudere viale Ceccarini è impraticabile e dannoso per l’economia locale, piuttosto servono vigilantes e polizia di Stato". Il consigliere di FdI Paolini solo pochi giorni fa, ricorda De Pascale, "commentando la decisione della giunta di blindare il centro con dissuasori mobili era uscito dicendo che l’amministrazione aveva accolto le proposte di Fratelli d’Italia. Oggi l’onorevole Colombo viene a dirci che è tutto sbagliato? L’onorevole dice anche che l’unica soluzione è ricorrere alla polizia, proponendo insediamenti di comandi di polizia permanenti. Può esser una soluzione. Ma la una domanda è: a chi sta parlando la Colombo? All’amministrazine di Riccione? Non sarebbe forse il caso che ne parlasse al ministro Piantedosi, unico legittimato a assumere decisioni in merito a comandi di polizia".