"Sulle mie giostre ho portato 50mila bambini. Raffaella Carrà mi veniva sempre a trovare"

Alvaro Buian da 30 anni fa divertire i bambini . Compare nella serie . dedicata all’artista.

"Sulle mie giostre ho portato 50mila bambini. Raffaella Carrà mi veniva sempre a trovare"
"Sulle mie giostre ho portato 50mila bambini. Raffaella Carrà mi veniva sempre a trovare"

Da trent’anni, tutti i giorni dell’anno, fa divertire i bambini nel cuore dell’Isola dei Platani. Alvaro Buian, è "l’uomo della giostra". Padre friulano, mamma di Sondrio, Buian si è trasferito 35 anni fa a Bellaria Igea Marina, dove stava lavorando come stagionale, e dove ha conosciuto quella che sarebbe diventata sua moglie, Marta Tosi. Dal 2008 la sua giostrina è in piazza Matteotti, punto di riferimento per residenti e turisti. In precedenza, dal 1995, di fronte alla biblioteca comunale. "Ho fatto divertire più generazioni di bambini bellariesi – quelli di ieri oggi portano i loro figli sulle giostrine –. Non ho tenuto il conto, ma di certo, tra locali e turisti in estate, oltre 50mila bimbi. Per i piccoli delle materne e degli asili, quando vengono portati qui da maestre e genitori, ci sono sempre due giri gratuiti". Presenza fissa, 12 mesi l’anno, nella piazza centrale di Bellaria, Buian racconta di aver visto "più volte Raffaella Carrà venire qui, sia per far visita a L’Angolo, il negozio che era della sua amatissima cugina Nadia Masacci, sia per tornare nella piazza dove sua nonna Andreina aveva il bar dove è cresciuta. Quando Raffa passava di qua non mancava di venirmi a salutare, era una persona gentile". Con la sua giostra Buian compar e anche nelle serie tv dedicata alla Carrà.